case sardegna, appartamenti sardegna hotel sardegna - guida agli alberghi in sardegna noleggio auto in sardegna agriturismo sardegna - guida vacanze agriturismo in sardegna last minute sardegna
Ville ed Appartamenti
in affitto in
Sardegna


Call Center 848 580081


 Territorio
 Clima
 Natura in Sardegna
 Gastronomia
 Vini
 Ricette
 Artigianato
 270 parole di storia
 Storia
 Archeologia
 Carnevale
 Feste religiose
 Vestito tradizionale
 Vita rustica
 Storie e leggende
 Scultura
 Pittura
 Musica
 Lingua
 Scrittori
 Architettura
 Interviste
 Attualità
GUIDA TURISTICA NUOVI STILI DI TURISMO

Bookmark and Share



Vita Rustica
Le Tonnare > LA MATTANZA
 

La Mattanza
Una volta chiusi i tonni, le barche venivano incastellate, cioè si disponevano esternamente al perimetro del corpo in modo da formare un quadrato nel quale ognuna assumeva una posizione ben precisa. Su due lati opposti si ormeggiavano il vascello e il capo rais, mentre sugli altri due lati si ormeggiavano rispettivamete un pascarmotto e tre bastarde.
Si iniziava così il sollevamento del fondo del corpo che veniva issato a braccia sul vascello. Essendo la stessa rete fissata nel lato in cui si trovava il capo rais accadeva che le due barche si avvicinavano sempre di più, il quadrato si restringeva lentamente con la progressiva esclusione delle bastarde.
Alla fine quando nel castello rimanevano solo quattro barche il corpus veniva fissato e dopo alcuni minuti di attesa il rais dava il comando di uccidere (matare).

Lo stellato
Finito il sollevamento della rete il corpus veniva bloccato. I tonnarotti nel frattempo si disponevano a formare lo stellato, un gruppo di sei uomini muniti dei crocchi. Si tratta di aste di tre diverse lunghezze terminanti con uncini affilati in modo da agganciare i tonni e sollevarli a bordo del vascello.
Gli stellatieri si disponevano al centro con le aste corte, i mascaioli ai lati di questi con le aste medie ed infine gli astaioli con le aste più lunghe agli estremi del gruppo. Gli astaioli avvicinavano i tonni già stremati al bordo della barca in modo da consentire l'intervanto degli altri uomini per issare in un unico sforzo il pesce entrobordo.
Il tonno issato rimaneva per qualche istante in equilibrio sul bordo del vascello. Era questa la fase più pericolosa soprattutto per gli stellatieri che nel minor tempo possibile dovevano afferrare il pesce per le pinne ventrali e dorsali allargarsi onde evitare i colpi di coda e spingere il tonno dentro la barca.

 


GUIDA TURISTICA | NUOVI STILI DI TURISMO
CARTOLINE | FOTO & VIDEO | PUBBLICITA' | LAVAGNA
REGISTRATI|

VITA NOTTURNA | SPETTACOLI | METEO | EVENTI A BREVE | CALENDARIO

Marchi e logo sono depositati
I testi sono di proprietà esclusiva di Sardinia Point
Le foto sono coperte dal diritto d'autore