case sardegna, appartamenti sardegna hotel sardegna - guida agli alberghi in sardegna noleggio auto in sardegna agriturismo sardegna - guida vacanze agriturismo in sardegna last minute sardegna
Ville ed Appartamenti
in affitto in
Sardegna


Call Center 848 580081


 Territorio
 Clima
 Natura in Sardegna
 Gastronomia
 Vini
 Ricette
 Artigianato
 270 parole di storia
 Storia
 Archeologia
 Carnevale
 Feste religiose
 Vestito tradizionale
 Vita rustica
 Storie e leggende
 Scultura
 Pittura
 Musica
 Lingua
 Scrittori
 Architettura
 Interviste
 Attualità
GUIDA TURISTICA NUOVI STILI DI TURISMO

Bookmark and Share



Gastronomia
IL PANE IN SARDEGNA > IL PANE NELLA VITA
 

IL PANE NELLA VITA
rituali e credenze

 

  

 

Il pane era il nutrimento per eccellenza, il pane era vita esso stesso. Il suo significato non si limitava però al valore alimentare, ma andava ben oltre e toccava tutti i momenti salienti della vita dell'individuo e della comunità. Fino a diventare strumento di fede o mezzo magico.

Persino la stessa panificazione doveva seguire rituali ben precisi, che spesso sfociavano nella magia: in effetti anche la trasformazione della farina in alimento fragrante, attraverso il mistero della lievitazione, sembrava possedere in sé qualcosa di magico.

Ecco che...
...se il pane si bruciava era segno nefasto
...se si rovesciava dentro il forno annunciava addirittura una disgrazia
...se infine si spaccava durante la cottura presagiva la morte di un familiare.

Il pane era investito di tutta una serie di norme e di divieti, da osservare rigidamente per conseguire il buon andamento della casa.
Tali norme pare che derivino dall'identificazione fra pane ed essere umano. Ed infatti il pane:

  • non doveva essere buttato per terra e, se questo accadeva, doveva essere raccolto e baciato
  • non doveva essere posto capovolto sulla tavola
  • non poteva essere trafitto dal coltello se non per mangiarlo
  • di venerdì non poteva essere tagliato, ma solo spezzato con le mani

Il pane era dunque un simbolo positivo di prosperità: pertanto veniva usato anche come amuleto, ad esempio appeso all'ovile per propiziare una buona annata. Era anche impiegato in forme di medicina magica.
La stessa rigidità delle prescrizioni che riguardavano il pane era estesa anche al lievito:

  • se si guastava non si gettava, ma lo si usava come cibo per gli animali
  • se si ammuffiva, veniva bruciato come gli oggetti sacri ormai inservibili;
  • se perdeva efficacia, veniva "battezzato" con gocce d'aceto ed acqua benedetta.

Curiosità
per lievitare la pasta si usava solo la parte morbida del GIMISONE, il pane precedentemente fermentato. Nel nuorese la sua crosta veniva bollita ed utilizzata per preparare una pietanza condita come i maccheroni. La stessa crosta mangiata cruda, invece, si credeva che avesse la facoltà di far sviluppare il seno.

*Il proverbio*
Chie hat pane/mai no morit.
Chi ha pane, non muore mai. 

 

NAVIGA
prima pagina
tipi di pane
pane nella vita
lavorazione
pane e parole
ricette col pane


 

 

 

 

 

 

 
 


GUIDA TURISTICA | NUOVI STILI DI TURISMO
CARTOLINE | FOTO & VIDEO | PUBBLICITA' | LAVAGNA
REGISTRATI|

VITA NOTTURNA | SPETTACOLI | METEO | EVENTI A BREVE | CALENDARIO

Marchi e logo sono depositati
I testi sono di proprietà esclusiva di Sardinia Point
Le foto sono coperte dal diritto d'autore