case sardegna, appartamenti sardegna hotel sardegna - guida agli alberghi in sardegna noleggio auto in sardegna agriturismo sardegna - guida vacanze agriturismo in sardegna last minute sardegna
Ville ed Appartamenti
in affitto in
Sardegna


Call Center 848 580081


 Territorio
 Clima
 Natura in Sardegna
 Gastronomia
 Vini
 Ricette
 Artigianato
 270 parole di storia
 Storia
 Archeologia
 Carnevale
 Feste religiose
 Vestito tradizionale
 Vita rustica
 Storie e leggende
 Scultura
 Pittura
 Musica
 Lingua
 Scrittori
 Architettura
 Interviste
 Attualità
GUIDA TURISTICA NUOVI STILI DI TURISMO

Bookmark and Share



Storia
LA STORIA DELLA SARDEGNA>ETA' PRENURAGICA>I PRIMI UOMINI
 

Paleolitico: i primi uomini
I primi uomini giunsero in Sardegna da una terra vicina: dall'Africa, dalla Penisola italiana o dalla Penisola iberica. Le tracce più antiche lasciate dall'uomo nell'isola sono costituite dagli strumenti di pietra scheggiata ritrovati a Perfugas (SS), risalenti al Paleolitico inferiore, (500000-100000 a.C.) e da quelli ritrovati ad Oliena (NU), presso la grotta Corbeddu, risalenti al Paleolitico superiore (35000-10000 a.C.).

Il Neolitico
Nei primi due millenni del Neolitico (6000-2700 a.C.) l'isola iniziò ad essere abitata stabilmente e diffusamente.
I sardi di questo periodo abitavano in grotte e ripari sotto roccia, luoghi che utilizzavano anche per dare sepoltura ai loro morti. Questi uomini si cibavano dei molluschi che trovavano abbondantemente lungo le coste e di piccoli animali come il prolagus, una specie di grosso topo oggi estinto. Costruivano arpioni e punte di freccia utilizzando una pietra vetrosa d'origine vulcanica, l'ossidiana, che si trova in gran quantità nel Monte Arci, presso Oristano.
Adoperavano vasi di ceramica e spesso li decoravano premendo, sull'argilla ancora fresca, con il bordo di una conchiglia della specie cardium: per questo motivo la ceramica di quel periodo è chiamata "cardiale".
Questi uomini dovevano avere una profonda religiosità: le statuette femminili in basalto testimoniano il radicamento del culto della Dea Madre, cioè una visione della natura come madre dispensatrice di vita.

La Cultura di Bonu Ighinu
Nel Neolitico medio (4000-3500 a.C.) fiorisce la cultura di Bonu Ighinu che prende il nome dalla grotta nel sassarese dove, per la prima volta, ne furono rinvenute le tracce.
Gli uomini di Bonu Ighinu sapevano coltivare il grano e addomesticavano gli animali. Vivevano ancora in grotta, ma furono anche i primi Sardi a vivere in villaggi di capanne.
In questo periodo i defunti iniziarono ad essere sepolti nelle grotticelle artificiali, tanto frequenti in Sardegna, chiamate in sardo domus de janas (It. case delle fate).
I vasi in ceramica prodotti dagli uomini di Bonu Ighinu sono più raffinati ed eleganti, con pareti più sottili e lucide, decorate o inornate.
Il culto della Dea Madre è l'elemento centrale anche della loro religiosità come testimoniano le statuette femminili dalle forme obese rappresentanti la natura, realizzate in pietra, argilla ed osso.


 

GUIDA TURISTICA | NUOVI STILI DI TURISMO
CARTOLINE | FOTO & VIDEO | PUBBLICITA' | LAVAGNA
REGISTRATI|

VITA NOTTURNA | SPETTACOLI | METEO | EVENTI A BREVE | CALENDARIO

Marchi e logo sono depositati
I testi sono di proprietà esclusiva di Sardinia Point
Le foto sono coperte dal diritto d'autore