case sardegna, appartamenti sardegna hotel sardegna - guida agli alberghi in sardegna noleggio auto in sardegna agriturismo sardegna - guida vacanze agriturismo in sardegna last minute sardegna
Ville ed Appartamenti
in affitto in
Sardegna


Call Center 848 580081


 Territorio
 Clima
 Natura in Sardegna
 Gastronomia
 Vini
 Ricette
 Artigianato
 270 parole di storia
 Storia
 Archeologia
 Carnevale
 Feste religiose
 Vestito tradizionale
 Vita rustica
 Storie e leggende
 Scultura
 Pittura
 Musica
 Lingua
 Scrittori
 Architettura
 Interviste
 Attualità
GUIDA TURISTICA NUOVI STILI DI TURISMO

Bookmark and Share



Feste Religiose
L'ARDIA>DESCRIZIONE DELL'EVENTO
 

prima pagina | quando e dove | descrizione | origine dell'Ardia | storia di S. Costantino
Ardia e leggende | foto gallery

DESCRIZIONE 

L'Ardia deve il suo nome al termine bardiare, che significa fare la guardia: in origine pare infatti che servisse anche a difendere il santuario da eventuali attacchi esterni.

La prima scena della festa ha come teatro la piazza del paese: è il parroco della chiesa di San Giovanni Battista a scegliere i tre cavalieri che nella corsa rappresenteranno i difensori della cristianità: essi sono investiti di questo grandissimo onore con la consegna delle pandelas, le tre bandiere di colore bianco, rosso e giallo.
Quest'ultima è la più importante, detta sa pandela madzore .
A supportarli nella corsa sas iscortas, le tre scorte, dotate di lance e stendardi: devono IMPEDIRE CHE LE PANDELAS VENGANO SUPERATE DAGLI ALTRI CAVALIERI.
Se ciò accadesse, sarebbe di cattivo augurio: sarebbe come dire che i valori della cristianità sono stati sconfitti.

Fra i suoni della banda e gli spari assordanti dei fucilieri, il gruppo di cavalieri raggiunge l'area del santuario: si ferma quindi in su frontigheddu, un pendio ripidissimo e scosceso da cui si domina tutta l'area del santuario.
Da qui la galoppata avrà inizio

La partenza è decisa dal cavaliere che porta sa pandela madzore: con pazienza ed intelligenza sceglie il momento più opportuno ed inaspettato per iniziare improvvisamente la corsa.
Lo seguono prontamente le altre due pandelas
e le scorte: con dei bastoni contrastano anche
violentemente l'impeto degli altri cavalieri, che tentano di arrivare primi all'interno della Corte de Santu Antine.
Trenta metri di discesa accidentata, fra polvere, sudore,
spari dei fucilieri, folla urlante: fino all'arco d'accesso della corte.

L'arco, che ricorda quelli di trionfo dell'antica Roma, è un ingresso angusto e pericoloso, ma i cavalieri sedilesi sono all'altezza del compito: con forza, abilità e coraggio, corrono al galoppo fino al sentiero di fronte al santuario.

Ecco che con ritmo cadenzato cominciano
i giri rituali attorno alla chiesa, il cui numero, variabile da tre a sette, lo decide nuovamente la prima pandela: il suo scatto velocissimo dà avvio alla corsa verso sa muredda, una rotonda con una croce di ferro al centro della corte.

Si ripetono ancora i giri rituali, questa volta attorno a sa muredda, in attesa della nuova sortita della prima pandela verso il santuario.

Tutto si consuma in circa mezz'ora: ma l'emozione di tutti, partecipanti e spettatori, è altissima.

foto: P.C. Murru
 


GUIDA TURISTICA | NUOVI STILI DI TURISMO
CARTOLINE | FOTO & VIDEO | PUBBLICITA' | LAVAGNA
REGISTRATI|

VITA NOTTURNA | SPETTACOLI | METEO | EVENTI A BREVE | CALENDARIO

Marchi e logo sono depositati
I testi sono di proprietà esclusiva di Sardinia Point
Le foto sono coperte dal diritto d'autore