case sardegna, appartamenti sardegna hotel sardegna - guida agli alberghi in sardegna noleggio auto in sardegna agriturismo sardegna - guida vacanze agriturismo in sardegna last minute sardegna
Ville ed Appartamenti
in affitto in
Sardegna


Call Center 848 580081


 Territorio
 Clima
 Natura in Sardegna
 Gastronomia
 Vini
 Ricette
 Artigianato
 270 parole di storia
 Storia
 Archeologia
 Carnevale
 Feste religiose
 Vestito tradizionale
 Vita rustica
 Storie e leggende
 Scultura
 Pittura
 Musica
 Lingua
 Scrittori
 Architettura
 Interviste
 Attualità
GUIDA TURISTICA NUOVI STILI DI TURISMO

Bookmark and Share



Carnevale Tradizionale
La festa e il Carnevale in Sardegna
 
LA FESTA E IL CARNEVALE IN SARDEGNA
il mondo alla rovescia, la parità, la maschera: caratteristiche della festa in Sardegna 

L'istituto della festa
La festa, in tutte le epoche e nelle diverse realtà culturali, ha rappresentato un elemento molto importante dell'esistenza umana. La festa è retta dal principio della parità in cui non vi è alcuna differenza tra ricco e povero, vecchio e bambino, uomo e donna. In tal contesto le crisi del quotidiano vengono cancellate e si propone un mondo magico di spensieratezza e allegria.

La sospensione della norma
La festa rappresenta per la collettività un momento di apertura in cui cadono i ruoli e i normali comportamenti. Il mondo "alla rovescia" appare un mito che evoca la realtà. In Sardegna l'ideale della parità è il motore di ogni rapporto di scambio.
La regola è molto semplice, ma di principio assoluto. A ogni dono deve corrispondere un controdono, ad ogni prestazione una controprestazione. La legge del do ut des è alla base della parità e quindi della festa in Sardegna. Questo è un modo per abbattere le barriere che separano i diversi ruoli sociali. La dimensione più concreta della festa in Sardegna è quella in cui si mangia, si beve, si guarda, si ascolta e si gode nella spensieratezza di un tempo magico e meraviglioso.

Il selvatico nelle tradizioni sarde
La tradizione Sarda è contrassegnata dal confronto/scontro tra città e villaggio, tra due concetti distinti di vita e cultura che vengono di continuo riproposti nel presente sotto le vesti festive e carnevalesche di maschere e danze ripescate da un passato ancora vivo e vitale delle nostre comunità.
La mascheratura sarda si identifica nel mondo proprio per i suoi tratti selvatici e animaleschi.

Dall'ideologia alla tradizione
Gli uomini - bestia, l'uomo selvatico, il diavolo ecc.. vengono ridicolizzati e "presi in giro" nelle esibizioni carnevalesche. L'obiettivo è quello di esorcizzare il male e cacciare via i problemi e i cattivi pensieri che la vita presenta.
I ceti popolari sardi sono stati in grado di trasfigurare in maschere carnevalesche e ridicole l'immagine del diavolo, allontanandolo e rendendo immuni le loro vite esaltando i piaceri: del mangiare, dell'amore e del ridere. La maschera sarda ti rimanda a una dimensione lontana e arcaica che affascina e coinvolge. Quella forma artistica destinata a coprire il volto umano che ti provoca nell'animo un'impressione mista di interesse per l'esotico o di ammirazione per una spontaneità espressiva primordiale.

Il Carnevale in Sardegna
Il Carnevale è considerato una vera e propria festa, anche nei centri più interni della Sardegna, in cui si opera una rassegna ed una rappresentazione delle basi sociali e morali del vivere collettivo.
A Carnevale ci si diverte gareggiando, mascherandosi, mangiando e bevendo meglio o almeno più del consueto, ballando.
Il ballo si caratterizza per la frequenza, davvero rilevante, con la quale si fa. Si balla molto, si balla più che in altri periodi dell'anno e tutti possono usufruire di questo divertimento. Ballano vecchi, uomini maturi, donne, giovani e bambini.

Luca Gungui

.
 


GUIDA TURISTICA | NUOVI STILI DI TURISMO
CARTOLINE | FOTO & VIDEO | PUBBLICITA' | LAVAGNA
REGISTRATI|

VITA NOTTURNA | SPETTACOLI | METEO | EVENTI A BREVE | CALENDARIO

Marchi e logo sono depositati
I testi sono di proprietà esclusiva di Sardinia Point
Le foto sono coperte dal diritto d'autore