case sardegna, appartamenti sardegna hotel sardegna - guida agli alberghi in sardegna noleggio auto in sardegna agriturismo sardegna - guida vacanze agriturismo in sardegna last minute sardegna
Ville ed Appartamenti
in affitto in
Sardegna


Call Center 848 580081


 Territorio
 Clima
 Natura in Sardegna
 Gastronomia
 Vini
 Ricette
 Artigianato
 270 parole di storia
 Storia
 Archeologia
 Carnevale
 Feste religiose
 Vestito tradizionale
 Vita rustica
 Storie e leggende
 Scultura
 Pittura
 Musica
 Lingua
 Scrittori
 Architettura
 Interviste
 Attualità
GUIDA TURISTICA NUOVI STILI DI TURISMO

Bookmark and Share



Ricette
Ricette sarde > Su Sambeneddu: il sanguinaccio di pecora
 

SU SAMBENEDDU
Il sanguinaccio di pecora: una delle ricette più antiche
della Sardegna

Premesse
"Su sambeneddu" è un ottimo piatto della tipica tradizione sarda.
Viene preparato nelle zone interne dell'isola.
Il gusto è molto forte e la sua preparazione è abbastanza complessa e per questo raffinata.

Ingredienti
Sangue di pecora, sale, cipolle, grasso di pecora, strutto, formaggio pecorino, timo (harmidda), spezie (non necessarie ma consigliabili a seconda dei gusti), pane harasau.

Preparazione
La prima operazione da fare nella preparazione de "Su Sambeneddu" è quella di raccogliere il sangue di pecora all'interno di un recipiente (di medie dimensioni) e mescolare continuamente con un mestolo, preferibilmente in legno, in modo da non permettere la formazione di grumi.

Aggiungere un pizzico di sale e lasciarlo "riposare" per una decina di minuti circa.

Nell'attesa si pulisce bene lo stomaco della pecora (che diventerà il contenitore de "Su Sambeneddu") e si preparano gli altri ingredienti.
Si tritano le cipolle e si prepara un soffritto con grasso di pecora e strutto.
Si lascia rosolare il tutto e, in crudo, si aggiunge pecorino grattugiato, menta selvatica, e (molto importante) pane harasau ridotto in briciole.

A seconda dei gusti in questo momento si possono aggiungere spezie (rosmarino, alloro, peperoncino, pepe nero etc...)
Si versa il sangue assieme al soffritto e alle eventuali spezie all'interno dello stomaco della pecora e si chiude bene con lo spago.
Si immerge il "sacco" all'interno di un recipiente con dell'acqua bollente e si cuoce per 20 minuti circa facendo molta attenzione che non si bruci.

È molto importante scuotere e massaggiare l'involucro avendo molta cura e prestando molta attenzione.
Una volta cotto si taglia lo stomaco e il piatto è pronto per essere gustato e apprezzato.

Consigli
"Su sambeneddu" è un piatto dal gusto nostrano e, nella sua semplicità, riesce a coinvolgere i palati più raffinati. Per questo motivo è consigliabile spalmarlo sul pane harasau e accompagnarlo con un buon bicchiere di vino Cannonau.

Curiosità
Spesso "Su Sambeneddu" viene preparato in seguiuto alla tosatura della pecora e viene mangiato in comune, cioè aprendo la sacca e condividendone il contenuto.
Il sangue deve essere freschissimo ed estratto immediatamente in seguito all'uccisione dell'animale. Per questo motivo devi venire nell'interno della Sardegna e gustare "Su Sambeneddu".

 


GUIDA TURISTICA | NUOVI STILI DI TURISMO
CARTOLINE | FOTO & VIDEO | PUBBLICITA' | LAVAGNA
REGISTRATI|

VITA NOTTURNA | SPETTACOLI | METEO | EVENTI A BREVE | CALENDARIO

Marchi e logo sono depositati
I testi sono di proprietà esclusiva di Sardinia Point
Le foto sono coperte dal diritto d'autore