case sardegna, appartamenti sardegna hotel sardegna - guida agli alberghi in sardegna noleggio auto in sardegna agriturismo sardegna - guida vacanze agriturismo in sardegna last minute sardegna
Ville ed Appartamenti
in affitto in
Sardegna


Call Center 848 580081


 Territorio
 Clima
 Natura in Sardegna
 Gastronomia
 Vini
 Ricette
 Artigianato
 270 parole di storia
 Storia
 Archeologia
 Carnevale
 Feste religiose
 Vestito tradizionale
 Vita rustica
 Storie e leggende
 Scultura
 Pittura
 Musica
 Lingua
 Scrittori
 Architettura
 Interviste
 Attualità
GUIDA TURISTICA NUOVI STILI DI TURISMO

Bookmark and Share



Natura in Sardegna
TAVOLARA>LE LEGGENDE>SMISURATI TOPI O PROLAGUS?
 

TAVOLARA > GLI SMISURATI TOPI ...

 

 

[...] l'Isola di Taulara nominata per le sue capre selvatiche, si nomina pure per i suoi smisurati topi. Gente approdata in quest'isola ne trovò in qualche parte il terreno sì fattamente smosso, che il credette opera de' porci. Non mi è potuto finora avere di tali topi dalla Taulara medesima, per cagione, che con timore vi si approda, è altrimenti che in buona compagnia e con forze, per ragion de' corsari di Berberìa, li quali spesso vi si appiattano. Di somiglianti sterminati topi se ne trovano pure nella isola di san Pietro [...] e due pelli ne ebbi in seguito; le quali veramente mi parvero grandi: in una trovai dall'estremità del muso al principio della coda pollici otto e tre linee[...] Alla dentatura riconobbi, che l'animale era veramente del genere de' topi [...] bastevole argomento mi fornirono i piedi [...] Riconobbi allora, che quelle pelli non erano se non le spoglie del comun topo di Sardegna [...] che i naturalisti chiamano: Mus domesticus major [...] e per questa ragione altro che la comun spezie non saranno i grossi topi di Taulara , di Molara, e se in altre isole adiacenti se ne trovano. Saranno avanzi di popolazioni antiche, prosperanti maggiormente mercé la pace e la solitudine, in cui vivono. In questi topi pertanto di Taulara, e d'altre isole adiacenti, non si contiene verun animal nuovo da aggiungere a' quadrupedi sardi [...]

Così nel 1774 nella "Appendice alla storia naturale dei quadrupedi di Sardegna" Francesco Cetti risolve il problema degli smisurati topi di Tavolara. 

Forse le sue conclusioni furono affrettate. C'è ragione di ipotizzarlo perché a Tavolara si rinvengono resti fossili e non ancora fossilizzati di un altro roditore, il Prolagus sardus, che, sopravvivendo a diverse invasioni faunistiche nell'isola, fu una componente fondamentale della dieta dell'uomo in Sardegna nel paleolitico e nel neolitico. Lo testimonia l'abbondanza di resti scheletrici rinvenuti in grotte abitate dall'uomo, come la grotta Corbeddu nei pressi di Oliena.

Il prolago, il cui ceppo originario sembra derivare dalla Mongolia, raggiunse in ondate successive Corsica e Sardegna, sfruttando l'abbassamento del livello marino fin dal periodo miocenico. Era un lagomorfo, della taglia di una cavia e un peso di circa 800 gr. Viveva nutrendosi di vegetali in un ambiente simile a quello oggi presente a Tavolara caratterizzato da bosco, rocce e macchia mediterranea.

Probabilmente si estinse perché entrò in competizione con roditori "moderni", come il ratto e non, come si potrebbe pensare, per la predazione dall'uomo.

Nella foto, Cranio di prolagus





 


 

 

:: Indice:
. prima pagina
. l'isola
. storia
. fondali
. avifauna
. vegetazione
. escursioni 
. immersioni 
. area protetta
. leggende
. info pratiche

************
Case affitto
vicino a Tavolara
:
. S. Teodoro 
. P.to S. Paolo
************


 

 

 

 

 

 

 

 


GUIDA TURISTICA | NUOVI STILI DI TURISMO
CARTOLINE | FOTO & VIDEO | PUBBLICITA' | LAVAGNA
REGISTRATI|

VITA NOTTURNA | SPETTACOLI | METEO | EVENTI A BREVE | CALENDARIO

Marchi e logo sono depositati
I testi sono di proprietà esclusiva di Sardinia Point
Le foto sono coperte dal diritto d'autore