case sardegna, appartamenti sardegna hotel sardegna - guida agli alberghi in sardegna noleggio auto in sardegna agriturismo sardegna - guida vacanze agriturismo in sardegna last minute sardegna
Ville ed Appartamenti
in affitto in
Sardegna


Call Center 848 580081


 Territorio
 Clima
 Natura in Sardegna
 Gastronomia
 Vini
 Ricette
 Artigianato
 270 parole di storia
 Storia
 Archeologia
 Carnevale
 Feste religiose
 Vestito tradizionale
 Vita rustica
 Storie e leggende
 Scultura
 Pittura
 Musica
 Lingua
 Scrittori
 Architettura
 Interviste
 Attualità
GUIDA TURISTICA NUOVI STILI DI TURISMO

Bookmark and Share



Artigianato
IL COLTELLO SARDO>TIPI DI COLTELLO
 




  • SA CÒRRINA: antichissimo coltello, antenato della pattadese, caratterizzato dal manico in corna di capra o di montone.
    Era non molto dissimile dalla pattadese attuale, ma era solo a fiama, ossia a lama fissa. 

  • SA GUSPINESA: cosiddetta perché tipica di Guspini. Nella forma più caratteristica era senza punta, sulla scorta di una legge regia, varata nel 1908, che disciplinava la lunghezza delle lame permesse ad uso personale.
    Mentre per le lame a punta era proibito oltrepassare la lunghezza di 4 centimetri, per quelle
    senza punta era consentito raggiungerne 10.
    I Guspinesi consideravano questo tipo di coltello
    ugualmente funzionale, anche perché, in prevalenza,
    erano minatori e serviva loro soprattutto per mangiare.
    In questo modo non incorrevano così in sanzioni giudiziarie, che altrimenti sarebbero state quasi inevitabili, visti i controlli severi  cui erano sottoposti, nel timore che si verificassero eventuali disordini a causa degli appartenenti ai movimenti operai.
    Questo coltello, quando ha la punta, presenta la lama con una sagoma più panciuta rispetto,
    ad esempio, a quella più lineare della pattadese.
    Sa guspinesa è il coltello utilizzato nei loro assalti
    dai valorosi della Brigata Sassari, durante la prima guerra mondiale.

  • S'ARBURESA (o foggia antica): tipico coltello da scuoio a lama panciuta, prodotto nella zona di Arbus 


  • LAMETTA: tipico della zona di Tempio Pausania, ha la lama mozza ed è ideale per il taglio e la lavorazione del sughero


      
  • SA LEPPA: lungo coltello a lama fissa
    (è una vera e propria sciabola) utilizzato soprattutto nel corso del 1800. Dalla lama spesso intarsiata, presenta un manico di legno. L'etimologia viene probabilmente dal greco Lepis, lépos = lamina di metallo, piastra. Si può confrontare col greco moderno Lepida, lama di coltello.

  • SA PATTADESA: il coltello originario di Pattada. E' considerato il coltello sardo per eccellenza. La forma classica è costituita da SA RESOLZA, che presenta la lama a foll'e murta, ossia a foglia di mirto, in genere a serramanico. L'impugnatura è di linea molto semplice.
    Secondo la tradizione, furono i fratelli Mimmia (1818-1906) e Giuseppe Bellu (1830-1908) a dare vita alla produzione di coltelli pattadesi, ora famosi in tutto il mondo.

  • S'ARRESOJA: altro termine per indicare il coltello a serramanico che deriva dai rasoria romani. 

  • SU BRÓTTSU: in logudorese indica un coltello piegato all'araba.

  • SU GURTEDDU: con questo termine si indica genericamente il coltello col manico fisso.

****

>Non solo Pattada e Guspini
bellissimi coltelli artistici di fattura pregiata vengono prodotti anche a Santulussurgiu, Gavoi, Fonni e Arbus.

 
 


GUIDA TURISTICA | NUOVI STILI DI TURISMO
CARTOLINE | FOTO & VIDEO | PUBBLICITA' | LAVAGNA
REGISTRATI|

VITA NOTTURNA | SPETTACOLI | METEO | EVENTI A BREVE | CALENDARIO

Marchi e logo sono depositati
I testi sono di proprietà esclusiva di Sardinia Point
Le foto sono coperte dal diritto d'autore