case sardegna, appartamenti sardegna hotel sardegna - guida agli alberghi in sardegna noleggio auto in sardegna agriturismo sardegna - guida vacanze agriturismo in sardegna last minute sardegna
Ville ed Appartamenti
in affitto in
Sardegna


Call Center 848 580081


 Territorio
 Clima
 Natura in Sardegna
 Gastronomia
 Vini
 Ricette
 Artigianato
 270 parole di storia
 Storia
 Archeologia
 Carnevale
 Feste religiose
 Vestito tradizionale
 Vita rustica
 Storie e leggende
 Scultura
 Pittura
 Musica
 Lingua
 Scrittori
 Architettura
 Interviste
 Attualità
GUIDA TURISTICA NUOVI STILI DI TURISMO

Bookmark and Share



Vestito Tradizionale
IL VESTITO TRADIZIONALE>IL VESTITO MASCHILE
 

foto di Piercarlo Murru

Copricapo (sar. berritta)
Il copricapo più comune, è la berritta.
Può essere nero o rosso, di orbace o di panno.
Data la lunghezza (circa 50 cm) può ricadere di lato, dietro o ripiegato in modo da stare in avanti.

Camicia (sar. bentone)
È sempre ampia e bianca, di cotone o lino.
Il colletto, che in alcuni casi manca del tutto, può avere qualche ricamo o può essere chiuso da gemelli in oro o in argento. 

Giubbetto (sar. zippone, cosso)
Come quello femminile è di stoffa pregiata, spesso non isolana: velluto, broccato o panno.
Con (zippone) o senza maniche (cosso) è chiuso sul davanti a doppio o a mono petto.
È di diversi colori, spesso è ricamato oppure ha rifiniture policrome, sulle asole o comunque sulla parte anteriore.

Calzoni (sar. cartzones)
Sono sempre bianchi e molto ampi, di lino, cotone o orbace.
Sono spesso lunghi, ma la lunghezza può variare, e sono infilati dentro le uose (cartzas) di diversi materiali come il panno, l'orbace o anche la pelle.

Gonnellino nero (sar. ragas, cartzones de furesi)
Molto caratteristico.
È un semplice rettangolo di stoffa, arricciato in vita.
È in orbace, o in panno.
È indossato sopra i pantaloni.

Soprabito (sar. cappottinu, gabbanu, collettu, sacu de coberri)
L'uomo, sopra l'abito, portava diverse giacche e cappotti, secondo il ceto e il mestiere.
Sono tutti in orbace nero:
>la giacca col cappuccio (cappottinu)
>il cappotto lungo con uno spacco posteriore (gabbanu, cabanu, cabanella)
>il mantello (saccu de coberri).
Nel campidano il cappotto lungo è spesso sostituito con un soprabito marrone in panno, con cappuccio (cappottu serenicu).
È raro, se non scomparso, il soprabito senza maniche di pelle conciata, stretto in vita da una cinta, chiamato collettu.

La mastrucca
Molto diffuso tra i pastori, è la giacca senza maniche di pelle di pecora o di agnello.
La lunghezza può variare.
La zona di provenienza determina anche il nome sardo: best'e peddi, everchina, tzamarra, etc.
È un indumento antichissimo: Cicerone, riferendosi, sprezzantemente, ai sardi dell'interno, che Roma non riuscì mai a domare del tutto, li definiva latruncoli mastrucati, alludendo evidentemente al loro indumento piu tipico.

 
 


GUIDA TURISTICA | NUOVI STILI DI TURISMO
CARTOLINE | FOTO & VIDEO | PUBBLICITA' | LAVAGNA
REGISTRATI|

VITA NOTTURNA | SPETTACOLI | METEO | EVENTI A BREVE | CALENDARIO

Marchi e logo sono depositati
I testi sono di proprietà esclusiva di Sardinia Point
Le foto sono coperte dal diritto d'autore