case sardegna, appartamenti sardegna hotel sardegna - guida agli alberghi in sardegna noleggio auto in sardegna agriturismo sardegna - guida vacanze agriturismo in sardegna last minute sardegna
Ville ed Appartamenti
in affitto in
Sardegna


Call Center 848 580081


 Territorio
 Clima
 Natura in Sardegna
 Gastronomia
 Vini
 Ricette
 Artigianato
 270 parole di storia
 Storia
 Archeologia
 Carnevale
 Feste religiose
 Vestito tradizionale
 Vita rustica
 Storie e leggende
 Scultura
 Pittura
 Musica
 Lingua
 Scrittori
 Architettura
 Interviste
 Attualità
GUIDA TURISTICA NUOVI STILI DI TURISMO

Bookmark and Share



Artigianato
ARTIGIANATO>OREFICERIA
 

lavorazione dell'oro | le parole dell'oro a Cagliari e nel Campidano 


Il significato più forte e suggestivo dei gioielli sardi sembra appartenere alla favola, ai tempi in cui le fate, nelle domus de janas, intrecciavano sulle stoffe fili dorati abbinandoli a pietre rare e preziose.

La storia narra invece che fin dal periodo nuragico si usava adornare il corpo con manufatti vari, anelli, bracciali, collane, fibule e bottoni.
Ma furono i Fenici ad introdurre l'uso di materiali quali l'oro e l'argento, impreziositi da fini lavorazioni e forgiati in svariate forme simboliche e geometriche. All'oro si aggiunsero il corallo e il diaspro, pietre dure quali i calcedoni e gli onici, le corniole e le ametiste.
Si producevano anelli e bracciali in lamina d'oro e d'argento, pettini, specchietti e astucci usati sia come viatico per l'aldilà che per contenervi le essenze profumate: monili e oggetti d'uso pratico assumevano valenze ornamentali e decorative, propiziatorie e apotropaiche.

Per tutto il periodo della dominazione romana si registra un vuoto compensato solo dai Bizantini i quali introdussero, nel VI sec.d.C., un nuovo gusto più raffinato e astratto che non escludeva comunque motivi e forme d'arte ispirati alla natura: il pavone che ritroviamo ancora oggi impresso sui tappeti e intagliato sulle cassepanche e la fenice raffigurata nelle spille e nelle gancere degli indumenti femminili (quali la gonna e il fazzoletto).

Durante il periodo giudicale andò rafforzandosi la tradizione locale arricchita con il gusto d'oltretirreno, di Genova e di Pisa; alcuni documenti dell'epoca testimoniano di alcuni valenti orafi sardi noti anche nella Penisola.

A partire dal XIV secolo, gli Spagnoli diedero un forte impulso all'oreficeria sarda introducendo la lavorazione "a filigrana", già introdotta dagli Arabi nel bacino mediterraneo e importata nell'isola dai nuovi dominatori.
Cominciavano a sorgere, soprattutto a Cagliari nella zona del Castello, le prime botteghe orafe: l'odierna via La Marmora si chiamava allora Carrer de los plateros ("Strada degli argentieri").
Nascevano, inoltre, insieme alle altre corporazioni artigiane, i "gremi"degli orafi e degli argentieri.

Dal gusto barocco diffusosi nel '600, ma senza troppo successo in Sardegna, si tornò, nel '700, ai più congeniali modelli neoclassici.

Con l'avvento dei Piemontesi, dopo una prima flessione, i "gremi" crebbero: nella prima metà del secolo operavano a Cagliari, nella Ruga de is prateris (l'odierna via Mazzini) venti maestri, aiutati da altrettanti garzoni e apprendisti, i "discenti".
Dal secondo '800 al primo '900 crebbe la fama degli artigiani sardi, le opere dei quali si possono ancora ammirare nelle esposizioni e nei musei di molte città italiane e straniere.

Oggi, la tradizione del gioiello sardo è mantenuta in vita dalle numerose scuole e botteghe dell'isola: a Cagliari e a Sassari, a Quartu S.Elena e a Oristano, a Iglesias e a Sinnai, a Nuoro e in molti centri barbaricini (soprattutto Oliena e Dorgali), si mantiene l'impronta di un sapere e di una abilità sempre vivi.

L'oro e i gioielli hanno sempre assolto, nella storia e nella vita quotidiana dei sardi, alla soddisfazione dell'utile e dell'effimero, rappresentando differenti esigenze: la cura di sé (i gioielli per "toeletta" tra cui, unici e bellissimi, gli "ispuligadentes"); la cura nel vestire (bottoni, spille, catene, ganci e gancere); l'ornamento di sé (orecchini, anelli, collane e pendenti), la devozione (amuleti e talismani).

 
 


GUIDA TURISTICA | NUOVI STILI DI TURISMO
CARTOLINE | FOTO & VIDEO | PUBBLICITA' | LAVAGNA
REGISTRATI|

VITA NOTTURNA | SPETTACOLI | METEO | EVENTI A BREVE | CALENDARIO

Marchi e logo sono depositati
I testi sono di proprietà esclusiva di Sardinia Point
Le foto sono coperte dal diritto d'autore