case sardegna, appartamenti sardegna hotel sardegna - guida agli alberghi in sardegna noleggio auto in sardegna agriturismo sardegna - guida vacanze agriturismo in sardegna last minute sardegna
Ville ed Appartamenti
in affitto in
Sardegna


Call Center 848 580081


 Territorio
 Clima
 Natura in Sardegna
 Gastronomia
 Vini
 Ricette
 Artigianato
 270 parole di storia
 Storia
 Archeologia
 Carnevale
 Feste religiose
 Vestito tradizionale
 Vita rustica
 Storie e leggende
 Scultura
 Pittura
 Musica
 Lingua
 Scrittori
 Architettura
 Interviste
 Attualità
GUIDA TURISTICA NUOVI STILI DI TURISMO

Bookmark and Share



Vini
IL VINO IN SARDEGNA>LA STORIA>LA FILLOSSERA: CRISI E RIPRESA
 

LA FILOSSERA E LA RIPRESA

70.000 ettari coltivati a vite; export di vino superate, in valore, solo da quelle di grano e formaggio. Questi sono i numeri del XIX secolo.

Tutto questo crollò proprio verso la fine del secolo per la concomitanza di due elementi: la rottura dei rapporti commerciali con la Francia avvenuta nel 1888 e l'invasione della fillossera.

La fine degli scambi con la Francia fu causata dalla politica protezionistica del governo italiano che intendeva stimolare la nascente industria nazionale.

L'invasione della fillossera, un insetto parassita della vite, si manifestò per la prima volta nell'agro di Sorso; dal 1883 al 1912 si calcola che la Sardegna abbia perso oltre 42.000 ettari di vigneto.

La ricostruzione, lunga e difficile, avvenne grazie all'azione delle Cattedre Ambulanti di Agricoltura e del Consorzio Antifillosserico che divulgarono la tecnica dell'innesto dei vitigni sardi su ceppi di vite americana (barbatelle), resistenti alla fillossera.

Il dopoguerra
Nel dopoguerra ci fu una forte ripresa.
Ma il vino sardo rimase un vino da taglio destinato ad arricchire gli altri vini europei e nazionali. Le conseguenze? vini poco pregiati e pochi soldi per gli agricoltori.

Poi la Comunità Europea diffuse gli incentivi per l'espianto dei vigneti. E quel sistema produttivo, solo apparentemente robusto, crollò.

Ma il crollo fu l'inizio della riscossa.
A partire dagli anni Settanta, lo sforzo principale fu quello di migliorare la qualità dei vini più rappresentativi.

Il vigneto sardo sebbene ridotto sul piano quantitativo (poco più di 30.000 ettari) ha guadagnato notevolmente in qualità ed a curare i campi sono rimasti i migliori imprenditori, sia nel settore cooperativo sia in quello privato.

 
 


GUIDA TURISTICA | NUOVI STILI DI TURISMO
CARTOLINE | FOTO & VIDEO | PUBBLICITA' | LAVAGNA
REGISTRATI|

VITA NOTTURNA | SPETTACOLI | METEO | EVENTI A BREVE | CALENDARIO

Marchi e logo sono depositati
I testi sono di proprietà esclusiva di Sardinia Point
Le foto sono coperte dal diritto d'autore