case sardegna, appartamenti sardegna hotel sardegna - guida agli alberghi in sardegna noleggio auto in sardegna agriturismo sardegna - guida vacanze agriturismo in sardegna last minute sardegna
Ville ed Appartamenti
in affitto in
Sardegna


Call Center 848 580081


 Territorio
 Clima
 Natura in Sardegna
 Gastronomia
 Vini
 Ricette
 Artigianato
 270 parole di storia
 Storia
 Archeologia
 Carnevale
 Feste religiose
 Vestito tradizionale
 Vita rustica
 Storie e leggende
 Scultura
 Pittura
 Musica
 Lingua
 Scrittori
 Architettura
 Interviste
 Attualità
GUIDA TURISTICA NUOVI STILI DI TURISMO

Bookmark and Share



Storia
LA STORIA DELLA SARDEGNA>LA SARDEGNA NELLA REPUBBLICA ITALIANA
 

Il dopoguerra
In Sardegna, per la mancanza del fenomeno della Resistenza, non ci fu una cesura incisiva tra fascismo e postfascismo ma una sostanziale continuità.
Saranno le vicende degli anni immediatamente successivi a creare le premesse per una profonda modificazione della vita sociale e politica.
Nel 1947, infatti, l'Isola, grazie a fondi americani, fu liberata dalla malaria con un'opera di disinfestazione (D.D.T.) che aprì zone, prima insalubri o paludose, a nuovi insediamenti e valorizzazioni.

L'Autonomia
Sempre nel 1947 la Sardegna, insieme a Sicilia, Trentino-Alto Adige, Friuli Venezia Giulia e Valle d'Aosta, fu riconosciuta dalla costituzione come regione a statuto "speciale", tenuto conto della sua specificità, storica e culturale.
Nel 1948 ebbe inizio la vita della Regione Autonoma della Sardegna; la prova più importante che il governo politico isolano dovette affrontare fu quella di favorire la rinascita economica e sociale dell'isola.

Il piano di rinascita
Nel 1962 fu varato quindi il cosiddetto "piano di rinascita" che prevedeva cospicui finanziamenti statali per l'economia; il piano prevedeva interventi in vari settori ma soprattutto in quello industriale.
La speranza che l'industria avrebbe svolto un ruolo trainante per l'economia sarda fu eccessiva e molte delle scelte fatte diedero risultati negativi: l'idea di privilegiare alcuni settori non risolse il problema della disoccupazione, inoltre contribuì a sacrificare altri settori produttivi come l'artigianato e la piccola industria.

Il malessere sociale
Tutto ciò riacutizzò il malessere popolare e provocò una nuova esplosione del banditismo e un aumento dell'emigrazione. A questi fenomeni negativi se ne aggiunsero altri: l'affollamento urbano incontrollato; la progressiva crisi delle miniere e l'abbandono completo del settore, il degrado ambientale, tutti segni evidenti della debolezza delle strutture e dell'economia sarda.

Elementi di sviluppo economico
Un settore in sviluppo si rivelò quello turistico, seppur limitato alle coste, e in molti casi responsabile del degrado progressivo di alcuni tratti dell'ambiente costiero isolano.
Altri importanti elementi furono: l'espansione della pastorizia, sempre redditizia anche se condotta con criteri tradizionali; l'incremento della collaborazione tra i produttori, con il sorgere e il moltiplicarsi di cantine sociali, caseifici, oleifici; l'organizzazione di alcune zone agricole e di alcuni settori di colture specializzate, come la viticoltura.

 


GUIDA TURISTICA | NUOVI STILI DI TURISMO
CARTOLINE | FOTO & VIDEO | PUBBLICITA' | LAVAGNA
REGISTRATI|

VITA NOTTURNA | SPETTACOLI | METEO | EVENTI A BREVE | CALENDARIO

Marchi e logo sono depositati
I testi sono di proprietà esclusiva di Sardinia Point
Le foto sono coperte dal diritto d'autore