Case Sardegna, Appartamenti Sardegna Hotel Sardegna - Guida agli alberghi in Sardegna Noleggio auto in Sardegna Agriturismo Sardegna - Guida vacanze agriturismo in Sardegna Last Minute Sardegna
Ville ed Appartamenti
in affitto in
Sardegna


Call Center 848 580081


 Offerte Top
 Week End
 Sagre e Feste
 Agriturismo
 Enoturismo
 Le vie del gusto
 Archeoturismo
 Etnoturismo
 Fuoristrada 4x4
 Mountain Bike
 Trekking
 Climbing
 Ippotrekking
 In grotta
 In barca
 Diving e Snorkeling
 Windsurf
 Surf
 Natura
 Birdwatching
 Tutti gli Stili...
 Talassoterapia
 Golf
UN'ISOLA UN CONTINENTE GUIDA TURISTICA
Bookmark and Share


Diving e Snorkeling
DIVING E SNORKELING IN SARDEGNA>RELITTI
 

IL PIROSCAFO EGLE

dove
nel mare di Villasimius (Ca), sulla costa orientale del Golfo di Cagliari, a circa 50 km da Cagliari 

IL RELITTO
>nome: EGLE 
>tipo: Piroscafo da carico
>data di affondamento: 29 Marzo1943  
>cause: silurato
>data di costruzione: 1893
>numero di matricola: 1352
>dimesioni: ca. 60 metri
>tonnellaggio: 1143 tsl
>localizzazione: al traverso di Cala Caterina, Villasimius (Ca)

LA STORIA
Il piroscafo da carico Egle apparteneva all'armatore Mario Zoboli di Genova, dove era registrato al Compartimento marittimo con la matricola n.1352.
Venne requisito dalla Regia Marina nel luglio 1942.

Il 29 Marzo del 1943 in navigazione da Cagliari a La Maddalena, intorno alle h. 10.17, a 1 miglio circa da Capo Carbonara veniva silurato da un sommergibile olandese Dolfijn ed affondato.

Ci furono sicuramente vittime come conferma il ritrovamento di un cranio durante un immersione del nucleo sommozzatori del Corpo dei Carabinieri.
L'Egle trasportava carbone, e parte del carico si può osservare attualmente in immersione.

SCHEDA IMMERSIOINE
>posizionamento: parzialmente distrutto, e affondato nella sabbia lungo l'asse da SE-NO
>tipo di fondale: sabbioso
>difficoltà: media
>profondità: 35 metri
>corrente: dipende dalle condizioni meteo
>visibilità: ottima in estate; variabile in inverno e primavera
>temperatura estiva: 18 °C
>temperatura invernale: 13 °C

  • punti di interesse
    prua insabbiata; lamiere della coperta, presenza del carico di carbone ancora sul fondo; verricello salpa ancora; un libro di bordo; cassetta di munizioni.
  • fauna
    Saraghi (Diplodus puntazzo, Diplodus sargus), Triglie (Mullus surmuletus), Cernie (Epinephelus marginatus), Murene (Murena helena).

DESCRIZIONE DELL'IMMERSIONE

Il relitto è segnalato da un pedagno fissato nel verriccello di prua.

Scendendo lungo la cima
si intuisce la presenza o meno di corrente che deciderà l'impostazione del percorso da effettuare.

Il relitto è avvistabile già dopo 10-15 metri.

Giunti sulla coperta

è evidente la presenza del grosso carico di carbone che ha determinato lo schiacciamento del relitto durante l'affondamento.
La parte poppiera è completamente mancante, probabilmente a causa dell'esplosione del siluro.

Percorrendo la nave in senso orario
si giunge alla prua insabbiata e imbrigliata di reti e palamiti.
Qui si vedono delle piccole colonie di Gorgoniacei.

Girando attorno alla prua
si percorre la murata insabbiata in fondo alla quale si osservano grossi saraghi pizzuti.

Guardando al largo nel sabbione
si possono incontare grosse triglie di fango.

Arrivati alle lamiere di poppa
conviene spingersi a sinistra verso un grosso ammasso granitico (spostato di ca. 20 metri) che ospita grosse cernie e murene, per poi rientrare al centro della coperta e del verriccello.

Tra le lamiere si trova il libro di bordo saponificato e molto fragile: osservatelo senza toccarlo !!!.


 

UN'ISOLA UN CONTINENTE | GUIDA TURISTICA
CARTOLINE | FOTO & VIDEO | PUBBLICITA' | LAVAGNA | SCRIVICI
REGISTRATI | | MY HOME

VITA NOTTURNA | SPETTACOLI | METEO | EVENTI A BREVE | CALENDARIO

Marchi e logo sono depositati
I testi sono di proprietà esclusiva di Sardinia Point
Le foto sono coperte dal diritto d'autore