case sardegna, appartamenti sardegna hotel sardegna - guida agli alberghi in sardegna noleggio auto in sardegna agriturismo sardegna - guida vacanze agriturismo in sardegna last minute sardegna
Ville ed Appartamenti
in affitto in
Sardegna


Call Center 848 580081


 Territorio
 Clima
 Natura in Sardegna
 Gastronomia
 Vini
 Ricette
 Artigianato
 270 parole di storia
 Storia
 Archeologia
 Carnevale
 Feste religiose
 Vestito tradizionale
 Vita rustica
 Storie e leggende
 Scultura
 Pittura
 Musica
 Lingua
 Scrittori
 Architettura
 Interviste
 Attualità
GUIDA TURISTICA NUOVI STILI DI TURISMO

Bookmark and Share



Natura in Sardegna
GLI ANIMALI DEL SUPRAMONTE>LA FOCA MONACA
 

il re delle rocce | i signori del cielo | il bue marino | cinghiali volpi ...le altre ali del cielo 
a sangue freddo | sopra i fiori ... | una volta c'erano 

L'INVISIBILE BUE MARINO

Il Supramonte fronteggia il Tirreno con alti bastioni calcarei, si chiude a perpendicolo sul mare che penetra nella roccia atrraverso enormi grotte.
A volte però la falesia si apre dolcemente all'acqua e al colore degli oleandri formando le piccole cale incantate del Golfo di Orosei.
Questa era la casa della Foca Monaca (Mo­nachus monachus), ancora co­mune negli anni cinquanta nelle calette della costa tra Dorgali e Baunei.

Un incontro "ravvicinato":
Primavera del 1956: stu­diosi e inviati di varie riviste ve­nivano spesso in Sardegna per documentarsi sulla foca monaca e loro accompagnatori ufficiali erano gli esperti del Gruppo Grotte Nuorese.
Bruno Piredda, uno di questi, nel corso di una spedizione vide all'ingresso di una grotta le tracce fresche di una foca e subito la seguì infilan­dosi carponi dentro un piccolo harem di foche!

Il maschio, do­po aver osservato a lungo l'in­truso, lanciò un latrato violento e si avviò rapidamente verso l'u­scita ma Piredda, temerario e abbastanza incosciente, gli saltò addosso e si fece trascinare per un certo tratto.
Finirono in ac­qua insieme con tutt'intorno cin­que o sei femmine che osserva­vano la scena più incuriosite che spaventate.

Accadeva quando c'erano le foche, ma adesso so­no solo ricordi.
Certo, qualche esemplare si fa vedere ogni tan­to ed anzi l'ultimo è stato avvi­stato appena il novembre scor­so.
All'uomo, però, la foca oggi serve solo per farne oggetto di campagne pubblicitarie e la sua presenza - preziosa proprio per­ché rara - viene enfatizzata co­me richiamo turistico in più.
Ma in concreto non si fa niente, così sembrano poche le speranze di un futuro migliore per la nostra foca, sfrattata da ogni recondi­to rifugio a causa dell'invaden­za dell'uomo-turista.

[la foto in alto è di Egidio Trainito]

 


GUIDA TURISTICA | NUOVI STILI DI TURISMO
CARTOLINE | FOTO & VIDEO | PUBBLICITA' | LAVAGNA
REGISTRATI|

VITA NOTTURNA | SPETTACOLI | METEO | EVENTI A BREVE | CALENDARIO

Marchi e logo sono depositati
I testi sono di proprietà esclusiva di Sardinia Point
Le foto sono coperte dal diritto d'autore