case sardegna, appartamenti sardegna hotel sardegna - guida agli alberghi in sardegna noleggio auto in sardegna agriturismo sardegna - guida vacanze agriturismo in sardegna last minute sardegna
Ville ed Appartamenti
in affitto in
Sardegna


Call Center 848 580081


 Territorio
 Clima
 Natura in Sardegna
 Gastronomia
 Vini
 Ricette
 Artigianato
 270 parole di storia
 Storia
 Archeologia
 Carnevale
 Feste religiose
 Vestito tradizionale
 Vita rustica
 Storie e leggende
 Scultura
 Pittura
 Musica
 Lingua
 Scrittori
 Architettura
 Interviste
 Attualità
GUIDA TURISTICA NUOVI STILI DI TURISMO

Bookmark and Share



Natura in Sardegna
GLI ANIMALI DEL SUPRAMONTE>GLI INSETTI
 

il re delle rocce | i signori del cielo | il bue marino | cinghiali volpi ...le altre ali del cielo 
a sangue freddo |
sopra i fiori ... | una volta c'erano 

SOPRA I FIORI, SOTTO LA CORTECCIA

Farfalle
Anche l'entomofauna, in Su­pramonte, è ricchissima di spe­cie: d'obbligo, dunque, l'accenno ad alcune tra le più significative.
In primavera, nei pendii roccio­si alti e aperti fa la sua compar­sa la Papilio hospiton, un ende­mismo sardocorso, bellissima farfalla dalle grandi ali gialle e nere tratteggiate di blu e rosso.
Altro endemismo prezioso è la Inachis io sardoa, vanitosamen­te dipinta di rosso, arancione e nero, che arriva dal vicino Gen­nargentu.

Coleotteri
Il bosco più fitto, pie­no di tronchi marcescenti, è in­vece l'habitat di un coleottero, endemico anch'esso, il Dorcus musimon.
Si tratta di un raffina­to lucanide dalla livrea nero­opaca, armato di robuste e ap­puntite mandibole che lo rendo­no un insetto esclusivamente xi­lofago (si nutre cioè solo di le­gno).

Curiosando sui resti dei vecchi alberi caduti, in quel che resta tra tronco e corteccia, è possibile trovare il dorcus che, non appena si rende conto di es­sere stato scoperto, assume una posizione cadaverica, ritraendo zampe e antenne contro il corpo, perfettamente immobile.
Rimar­rà così sino a quando non riter­rà passato il pericolo; allora, con movimenti lenti e studiati, con­trolla la situazione e va ad infi­larsi nuovamente sotto la cortec­cia!
Il suo futuro è legato in ma­niera indissolubile a quello delle antiche foreste.

Altro ospite cu­rioso dei boschi del Supramonte, stavolta non endemico, è il ce­rambice delle querce (Cerambyx cerdo).
E un grande coleottero fra i più grandi d'Europa,
di un bel nero lucente,
dalle lunghe e mobilis­sime antenne nodose.
E attivo d'estate, soprattutto al tramon­to, quando emette il suo carat­teristico stridio che ottiene sfre­gando il protorace con il meso­torace.

Il cerambice nelle grinfie dei bambini di un tempo
Questo insetto ha sem­pre attirato l'attenzione dei bambini, che se lo portavano ap­presso esibendolo con orgoglio.
Poi gli infilavano un bastoncino nell'apparato boccale e lo sfrega­vano sul maglione sino a quan­do non riuscivano a fargli emet­tere il suo verso.
E più il pove­retto «strillava» più era ragione di blasone per il fortunato pro­prietario.
Lo chiamavano «su curritolu».
Fortunatamente le nuove generazioni di bambini hanno ben altri giochi per tra­scorrere il tempo e non conoscono questo crudele divertimento che, è inutile dirlo, si concludeva con la morte del povero «curritolu».

[foto in alto: Papilio hospiton, di P.C. Murru]

 


GUIDA TURISTICA | NUOVI STILI DI TURISMO
CARTOLINE | FOTO & VIDEO | PUBBLICITA' | LAVAGNA
REGISTRATI|

VITA NOTTURNA | SPETTACOLI | METEO | EVENTI A BREVE | CALENDARIO

Marchi e logo sono depositati
I testi sono di proprietà esclusiva di Sardinia Point
Le foto sono coperte dal diritto d'autore