case sardegna, appartamenti sardegna hotel sardegna - guida agli alberghi in sardegna noleggio auto in sardegna agriturismo sardegna - guida vacanze agriturismo in sardegna last minute sardegna
Ville ed Appartamenti
in affitto in
Sardegna


Call Center 848 580081


 Territorio
 Clima
 Natura in Sardegna
 Gastronomia
 Vini
 Ricette
 Artigianato
 270 parole di storia
 Storia
 Archeologia
 Carnevale
 Feste religiose
 Vestito tradizionale
 Vita rustica
 Storie e leggende
 Scultura
 Pittura
 Musica
 Lingua
 Scrittori
 Architettura
 Interviste
 Attualità
GUIDA TURISTICA NUOVI STILI DI TURISMO

Bookmark and Share



Natura in Sardegna
SUPRAMONTE: PAESAGGI VEGETALI>I FUNGHI
 

l'uomo e il paesaggio | dalle coste verso l'interno | la foresta di leccio
i fiori |
i funghi | gli endemismi

I FUNGHI

Sono i demolitori del­la natura, si accaniscono sui grandi alberi di leccio caduti che giacciono al suolo ormai inermi.
La foresta del Supramon­te è un vero eden per il micologo.
Funghi piuttosto rari altrove tro­vano qui condizioni eccellenti per svolgere la loro insostituibile fun­zione.
[foto: Porcino, di M.Vacca

Saprofiti
I saprofiti aggrediscono i grossi tronchi, i rami marcescen­ti, le singole foglie, decomponen­do le sostanze organiche ormai morte sino a trasformarle in so­stanze chimiche più semplici, di cui possono nutrirsi.

Così facendo li­berano il bosco e lo arricchiscono di humus. Ricordiamo:

  • il Phyllotop­sis nidulans, dal vistoso colore giallo, che preferisce i recessi umi­di del bosco
  • il raro Mlianophyllum haematospermurn, che predilige i terreni più ricchi di azoto
  • il bellis­simo Hericium clathroides che può raggiungere dimensioni notevoli e ricorda curiosamente un insieme di pettini sovrapposti
  • il Marasmius epiphyllus, di piccolis­sime dimensioni e specializzato nell'attaccare le foglie morte
  • la rara Mycena oortiana, che cresce sui legni marcescenti in fitte fami­gliole ed emana un possente odore di iodoformio.

Parassiti
All'ombra della gran­de foresta i funghi parassiti, intan­to aggrediscono alberi vivi.
Appro­fittano di ogni ferita della cortec­cia per arrivare con le ife del mi­celio all'interno del fusto nutren­dosi a danno della pianta. Ricordia­mo:

  • l'Hericium erinacea che s'in­sedia in modo originale sul tronco dei lecci, a qualche metro dal suolo
  • lo Scenidium nitidum che ricor­da curiosamente un favo con i suoi pori perfettamente esagonali.

I funghi micorrizi­ci
Infi­ne due parole sui funghi micorrizi­ci, che si nutrono delle sostanze or­ganiche elaborate nel processo fo­tosintetico dell'albero e, a loro vol­ta, mettono a disposizione della pianta-ospite una maggiore quanti­tà di acqua e sali inorganici attra­verso la fitta trama del manto mi­corrizico.
Tra loro c'è il bellissimo Boletus pulchrotinctus, vagamente soffuso di rosa, e il Tuber aestivum, un prelibato tartufo nero che i ghiotti cinghiali del Supramonte ri­cercano assiduamente sconvolgen­do il suolo con metodiche rugate.

 


GUIDA TURISTICA | NUOVI STILI DI TURISMO
CARTOLINE | FOTO & VIDEO | PUBBLICITA' | LAVAGNA
REGISTRATI|

VITA NOTTURNA | SPETTACOLI | METEO | EVENTI A BREVE | CALENDARIO

Marchi e logo sono depositati
I testi sono di proprietà esclusiva di Sardinia Point
Le foto sono coperte dal diritto d'autore