Case Sardegna, Appartamenti Sardegna Hotel Sardegna - Guida agli alberghi in Sardegna Noleggio auto in Sardegna Agriturismo Sardegna - Guida vacanze agriturismo in Sardegna Last Minute Sardegna
Ville ed Appartamenti
in affitto in
Sardegna


Call Center 848 580081


 Offerte Top
 Week End
 Sagre e Feste
 Agriturismo
 Enoturismo
 Le vie del gusto
 Archeoturismo
 Etnoturismo
 Fuoristrada 4x4
 Mountain Bike
 Trekking
 Climbing
 Ippotrekking
 In grotta
 In barca
 Diving e Snorkeling
 Windsurf
 Surf
 Natura
 Birdwatching
 Tutti gli Stili...
 Talassoterapia
 Golf
UN'ISOLA UN CONTINENTE GUIDA TURISTICA
Bookmark and Share


Archeoturismo
ARCHEOLOGIA NURAGICA > TEMPIO A POZZO DI SANTA CRISTINA, Paulilatino
 

IL TEMPIO A POZZO DI SANTA CRISTINA

  • dove: Paulilatino (Or), nel centro Sardegna
  • eta': X a.C. (età del Bronzo Finale) ù
  • cultura: Nuragica
  • materiali utilizzati: blocchi sbozzati o squadrati di basalto
  • funzione del monumento: sacra

Descrizione
L'area archeologica di Santa Cristina è costituita da un santuario, da un nuraghe e da un villaggio di capanne.

L'edificio più importante del santuario è il bellisssimo tempio a pozzo costruito intorno all'X secolo a.C..
Rappresenta il culmine dell'architettura sacra nuragica.
Ha una struttura composta di tre parti essenziali: il vano di ingresso (vestibolo), al livello del suolo, la scala che scende nel terreno e il vano interrato coperto dalla volta a tholos (falsa cupola).
Sul fondo del vano interrato, ai piedi della scala c'è la fonte sacra.
In superficie un recinto ellittico di pietre delimita l'area sacra.
Il vano d'ingresso è un'apertura a ventaglio che introduce in modo solenne alla scala monumentale che entra, composta, nella terra fino ad incontrare le sacre acque sul fondo.
Il soffitto che copre la scala, fino al raggiungimento della tholos, ha una struttura che si potrebbe descrivere come una scala rovesciata.
La tholos, interamente interrata, protegge la sacra sorgente e all'apice si apre verso il cielo tramite un'apertura circolare che permette alla luce di raggiungere le acque sotterranee.

Il santuario di Santa Cristina appare eccezionalmente evoluto rispetto all'architettura degli altri pozzi sacri: il rapporto fra i vari elementi architettonici è lineare ed esprime una forte razionalità.
I blocchi di basalto utilizzati per edificare l'intera struttura sono tagliati con estrema precisione mentre di norma gli architetti nuragici utilizzavano massi rozzamente sbozzati.
Il santuario prende il nome dalla vicina chiesa campestre di Santa Cristina

Varie
Nei dintorni, sempre all'interno del comune di Paulilatino, sorgono due tombe di giganti (di Goronna e di Muraguada), e numerosissimi resti di nuraghi: Lugherras, Atzara, Zroccu, Oschina, Nussu e altri ancora.
Nel centro storico del paese troviamo inoltre, all'interno del palazzo Atzori (XVIII sec.), il Museo Archeologico-Etnografico con materiali archeologici del territorio, e una ricca sezione etnografica. 

Info turistiche

  • arrivare
    L'area archeologica di Santa Cristina è situata al lato della S.S. 131 "Carlo Felice", con svincolo al km 115,200 per chi proviene da Sassari, e al km 114,300 per chi proviene da Cagliari; il raccordo è segnalato da cartelli turistici in entrambi i sensi di marcia.

  • servizi turistici
    È possibile raggiungere il sito anche in pullman. Piazzola di sosta. L'area è gestita da una cooperativa. Punto di ristoro.

 
 


UN'ISOLA UN CONTINENTE | GUIDA TURISTICA
CARTOLINE | FOTO & VIDEO | PUBBLICITA' | LAVAGNA | SCRIVICI
REGISTRATI | | MY HOME

VITA NOTTURNA | SPETTACOLI | METEO | EVENTI A BREVE | CALENDARIO

Marchi e logo sono depositati
I testi sono di proprietà esclusiva di Sardinia Point
Le foto sono coperte dal diritto d'autore