case sardegna, appartamenti sardegna hotel sardegna - guida agli alberghi in sardegna noleggio auto in sardegna agriturismo sardegna - guida vacanze agriturismo in sardegna last minute sardegna
Ville ed Appartamenti
in affitto in
Sardegna


Call Center 848 580081


 Territorio
 Clima
 Natura in Sardegna
 Gastronomia
 Vini
 Ricette
 Artigianato
 270 parole di storia
 Storia
 Archeologia
 Carnevale
 Feste religiose
 Vestito tradizionale
 Vita rustica
 Storie e leggende
 Scultura
 Pittura
 Musica
 Lingua
 Scrittori
 Architettura
 Interviste
 Attualità
GUIDA TURISTICA NUOVI STILI DI TURISMO

Bookmark and Share



Natura in Sardegna
AMBIENTI NATURALI>LA GIARA>I CAVALLINI
 

cavallini selvatici | numeri e geografia | territorio | flora | fauna | storia geologica | il nome
info turistiche | print version

IS ACCHETTUS, I CAVALLINI DELLA GIARA

la storia
I cavallini vivono liberi nell'altopiano da tempo immemorabile.
Sono gli ultimi superstiti di una razza che popolava l'intera isola e hanno trovato nella Giara di Gesturi, grazie all'isolamento naturale, le condizioni ideali per conservare la loro particolare tipologia.
Sono piccoli, alti circa 120 centimetri al garrese, e di colore bruno scuro, molto resistenti alla fatica, sono snelli e dalla lunga criniera e hanno occhi un po' a mandorla.
Con tutta probabilità il loro arrivo in Sardegna è da ricondurre all'epoca preromana: forse furono importati dalla Numidia ad opera dei Cartaginesi.
A partire dal medioevo i cavallini iniziarono ad essere impiegati nella trebbiatura: le femmine, catturate all'inizio dell'estate, lavoravano, per tutta la stagione, nei terreni del Campidano e venivano poi nuovamente liberate sulla Giara. E' da allora che i cavallini, pur vivendo liberi per quasi tutto l'anno, hanno un padrone.
Con la meccanizzazione agricola, avvenuta nella seconda metà del 1900 gli uomini trovarono più redditizio utilizzare i cavallini come carne da macello.
Così il loro numero diminuì rapidamente e, per incrementarne la popolazione e aumentarne la stazza, furono liberati nell'altopiano stalloni di taglia più grande.
Il risultato fu il progressivo imbastardimento dei caratteri, comparvero criniere bionde e macchie bianche sul manto, ma contemporaneamente iniziarono anche le battaglie di studiosi e appassionati per la difesa del cavallino della Giara di Gesturi.
Negli anni '70 iniziò una campagna per la tutela della razza: furono isolati gli esemplari più puri nel tentativo, riuscito, di rafforzare le caratteristiche tipiche del cavallino della Giara.

i cavallini oggi
Ogni estate, come in passato, si organizzano battute, che durano giorni, nelle quali is cuaddeddus sono spinti verso is scalas, ossia fuori dall'altopiano: qui i cavalli si sentono smarriti e si fanno condurre facilmente dentro recinti di pietra.
Oggi però i cavallini sono "catturati" nel loro interesse: a fine agosto sulla Giara il cibo scarseggia e i cavallini nuovi nati devono essere marchiati con la G che ne attesta la purezza e con i marchi dei proprietari e dei comuni ai quali appartengono.
Dal 1996 la XXV Comunità Montana acquista i cavallini dalle famiglie private dei centri vicini che per anni ne hanno avuto la proprietà e oggi ne possiede 200 su un totale di 500 circa.
Il rito millenario della marchiatura inizia con la gara de is insocadores, espertissimi cavallerizzi, che prendono al laccio i giovani puledri.
Di seguito una commissione di esperti valuta la purezza della razza e gli esemplari ritenuti non idonei, marchiati con la R, sono allontanati dalla Giara.
A settembre i cavallini possono finalmente tornare bradi nella loro Giara, e chiunque può trovarli in branco generalmente vicino a is paulis

foto, dall'alto:
- Cavallini (M. Vacca)
- Cavallini (P. Rinaldi)


 


GUIDA TURISTICA | NUOVI STILI DI TURISMO
CARTOLINE | FOTO & VIDEO | PUBBLICITA' | LAVAGNA
REGISTRATI|

VITA NOTTURNA | SPETTACOLI | METEO | EVENTI A BREVE | CALENDARIO

Marchi e logo sono depositati
I testi sono di proprietà esclusiva di Sardinia Point
Le foto sono coperte dal diritto d'autore