case sardegna, appartamenti sardegna hotel sardegna - guida agli alberghi in sardegna noleggio auto in sardegna agriturismo sardegna - guida vacanze agriturismo in sardegna last minute sardegna
Ville ed Appartamenti
in affitto in
Sardegna


Call Center 848 580081


 Territorio
 Clima
 Natura in Sardegna
 Gastronomia
 Vini
 Ricette
 Artigianato
 270 parole di storia
 Storia
 Archeologia
 Carnevale
 Feste religiose
 Vestito tradizionale
 Vita rustica
 Storie e leggende
 Scultura
 Pittura
 Musica
 Lingua
 Scrittori
 Architettura
 Interviste
 Attualità
GUIDA TURISTICA NUOVI STILI DI TURISMO

Bookmark and Share



Natura in Sardegna
AMBIENTI NATURALI>LA GIARA>IL TERRITORIO
 

cavallini selvatici | numeri e geografia | territorio | flora | fauna | storia geologica | il nome
info turistiche | print version

IL TERRITORIO
Il suolo della Giara è generato dallo sgretolamento della roccia lavica: è notevolmente fertile e capace di generare ottimi pascoli ma, per lo spessore esiguo, non è comunque adatto alla coltivazione.

is zepparas (i monti)
Gli unici rilievi della Giara sono due crateri vulcanici, tuttora facilmente individuabili:
sa Zepparedda, alto 609 metri, che lascia intravedere ancora una bocca di cratere; sa Zeppara Manna, alto 580 metri, a forma di cono vulcanico, dal quale è possibile scorgere il Gennargentu di Aritzo, a nord-est, la piana del Campidano di Oristano, a sud-ovest, il Monte Arci, verso Oristano e, nei dintorni, il dispiegarsi
delle colline della Marmilla, del Sarcidano e della
Trexenta fino a Laconi.

is scalas (sentieri ripidi)
I fianchi dell'altopiano, non protetti dalla dura coltre basaltica che ricopre la sommità, sono soggetti, da sempre, a fenomeni di erosione e di frana: così, nei secoli, si sono formati i ripidi sentieri, detti in sardo is scalas, che, anticamente, erano le uniche vie d'accesso alla Giara. 

sa roja e is paulis (gli acquitrini)
Al centro dell'altopiano, disposta in senso trasversale rispetto ai due rilievi, si trova la zona depressa de sa Roja: in origine era, probabilmente, una fenditura, che poi fu ricoperta dalle colate basaltiche.(Foto M. Vacca)
Is paùlis sono depressioni più o meno estese e più o meno profonde, nelle quali ristagna sia l'acqua piovana sia l'acqua che sgorga da alcune sorgenti.
Si trovano un po' dovunque nell'altopiano e segnano nettamente il paesaggio: con l'arrivo della stagione calda is paulis si ricoprono di ranuncoli d'acqua che, a volte fino al mese di luglio, occupano l'intera superficie del Pauli Majori e del Pauli Murdegu, le più vaste distese d'acqua della zona.
In tarda estate i colori tendono sempre più al giallo, la piana diventa più asciutta e polverosa e le mandrie di cavalli e di bovini si concentrano, per l'abbeverata e per il pascolo, intorno a is paulis non ancora prosciugati.
Ma anche quando l'estate è più rovente molte sorgenti, is mitzas, non cessano di dispensare la loro acqua fresca.

foto dall'alto:
- Panoramica (P. Rinaldi)
- Un pauli (M. Vacca)

 

 
 


GUIDA TURISTICA | NUOVI STILI DI TURISMO
CARTOLINE | FOTO & VIDEO | PUBBLICITA' | LAVAGNA
REGISTRATI|

VITA NOTTURNA | SPETTACOLI | METEO | EVENTI A BREVE | CALENDARIO

Marchi e logo sono depositati
I testi sono di proprietà esclusiva di Sardinia Point
Le foto sono coperte dal diritto d'autore