case sardegna, appartamenti sardegna hotel sardegna - guida agli alberghi in sardegna noleggio auto in sardegna agriturismo sardegna - guida vacanze agriturismo in sardegna last minute sardegna
Ville ed Appartamenti
in affitto in
Sardegna


Call Center 848 580081


 Territorio
 Clima
 Natura in Sardegna
 Gastronomia
 Vini
 Ricette
 Artigianato
 270 parole di storia
 Storia
 Archeologia
 Carnevale
 Feste religiose
 Vestito tradizionale
 Vita rustica
 Storie e leggende
 Scultura
 Pittura
 Musica
 Lingua
 Scrittori
 Architettura
 Interviste
 Attualità
GUIDA TURISTICA NUOVI STILI DI TURISMO

Bookmark and Share



Carnevale Tradizionale
IL CARNEVALE>CARNEVALE DI BOSA>LA SCENA
 

LA SCENA

L'esilarante carnevale bosano è, soprattutto oggi, momento di coesione comunitaria.
Le strade, le piazze e le sale da ballo sono i luoghi di un variegato complesso scenico.
La trama teatrale si intreccia su libere invenzioni arricchite da ricorrenti riferimenti sessuali, leggibili nell'esibizione di numerosi simboli priapici.

Prima del Giovedì grasso le maschere irrompono nelle case a chiedere la questua di lardazholu, raccogliendo cibarie per il banchetto della sera.

Il martedì grasso, durante il giorno, si canta s'attittidu (il lamento funebre) a Gioldzi ancora neonato, rappresentato da un bamboccio vestito di stracci, spesso rimpiazzato da falli in legno o in cartapesta e da qualche animale domestico.

La sera, dopo un giorno di ironica tristezza, le maschere vestite di bianco, tanti piccoli Gioldzi, si rincorrono l'un l'altro. Quando uno viene fatto prigioniero, l'inseguitore illumina i suoi genitali esclamando: "...Gioldzi! Ciappadu l'appo! Ahi Gioldzi! Damilu a Gioldzi!".

Inoltre, ancora oggi vengono diffusi, sul modello dei gosos religiosi e dei trallallera, canti satirici che non risparmiano nessuno.
E poi c'è anche il ballo, da su ballu 'e s'iskoba a sos ballos de sas kadreas (danze locali), da su dilliri e su ballu tundu alle danze "moderne".

E'un mondo alla rovescia in cui tutto, le regole del buon costume, le norme e le istituzioni sociali vengono messe in ridicolo tramite le più vistose licenziosità sessuali. Anche il linguaggio dimette le vesti del quotidiano per assumere i colori dell'oscenità verbale e della vera e propria dissacrazione.
La narrazione scenica è affidata alla parodia e allo sberleffo.
Insomma, è tutta una pantomima liberatoria che dà sfogo al riso e all'allegria senza briglie.

 


GUIDA TURISTICA | NUOVI STILI DI TURISMO
CARTOLINE | FOTO & VIDEO | PUBBLICITA' | LAVAGNA
REGISTRATI|

VITA NOTTURNA | SPETTACOLI | METEO | EVENTI A BREVE | CALENDARIO

Marchi e logo sono depositati
I testi sono di proprietà esclusiva di Sardinia Point
Le foto sono coperte dal diritto d'autore