case sardegna, appartamenti sardegna hotel sardegna - guida agli alberghi in sardegna noleggio auto in sardegna agriturismo sardegna - guida vacanze agriturismo in sardegna last minute sardegna
Ville ed Appartamenti
in affitto in
Sardegna


Call Center 848 580081


 Territorio
 Clima
 Natura in Sardegna
 Gastronomia
 Vini
 Ricette
 Artigianato
 270 parole di storia
 Storia
 Archeologia
 Carnevale
 Feste religiose
 Vestito tradizionale
 Vita rustica
 Storie e leggende
 Scultura
 Pittura
 Musica
 Lingua
 Scrittori
 Architettura
 Interviste
 Attualità
GUIDA TURISTICA NUOVI STILI DI TURISMO

Bookmark and Share



Feste Religiose
USANZE E COSTUMI>EVENTI RELIGIOSI
 

 prima pagina | quando si svolge l'evento | origine della festa | descrizione  
storia di Sant'Efisio | curiosità 

DESCRIZIONE

  • La mattina del 1° maggio, dopo la messa, un bellissimo cocchio dorato trainato da buoi va a prendere Sant'Efisio nella sua chiesetta di Stampace.
  • Verso mezzogiorno inizia la processione, aperta dai Carabinieri a cavallo: sfilano le traccas (carri a buoi decorati e addobbati a festa), che ospitano attrezzi della vita quotidiana, pani e dolci finemente elaborati.
  • Seguono centinaia di persone provenienti da tutta la Sardegna. Tutte indossano il costume tradizionale del proprio paese d'origine: è una festa di colori e fogge differenti, è la festa di tutta l'isola.
  • Chiudono questa parata i cavalieri campidanesi a cavallo, spesso in compagnia delle loro donne ricoperte di gioielli da sembrare madonne. Persino i cavalli sono agghindati a festa, con le code arricciate e ornate di fiori.
  • Avanzano quindi i miliziani a cavallo, in rappresentanza dei quartieri cagliaritani di Stampace, Marina e Villanova: costituiscono la scorta di protezione al Santo.
  • Dopo Is Dottoris, (i membri della Guardiania scelti un tempo fra le classi più elevate), procede il Terzo Guardiano con lo stendardo dell'Arciconfraternita.
  • Sfila dunque l'Alternos, vestito col frac e il cappello a cilindro, che rappresenta il potere politico: un tempo era il viceré, ora il sindaco. Porta al collo una catena d'oro con un medaglione, il "Tosòn d'oro", simbolo dell'ordine cavalleresco con cui Cagliari fu insignita nel 1679.
  • Seguono il cappellano e i membri dell'Arciconfraternita, i portalanterne, i suonatori di launeddas (strumento musicale a tre canne).
  • Ed ecco infine appare il cocchio dorato con la statua di Sant'Efisio, seguito da un'infinità di fedeli.
  • La grandiosa processione termina in viale La Plaja, ma il rito continua in modo più intimo: a Giorgino vengono fatte indossare al Santo vesti più semplici, mentre il cocchio dorato è sostituito con uno più modesto.
  • Altre soste sono previste nella spiaggia di La Maddalena, a Su Loi, a Villa d'Orri, e infine a Sarroch dove il Santo trascorre la notte all'interno della chiesa di Santa Vittoria.
  • Giunta infine a Nora, la statua viene portata a spalla lungo la spiaggia fra il suono delle launeddas. Rimane quindi esposta alla venerazione dei fedeli fino al 4 maggio, quando ritorna a Cagliari secondo lo stesso itinerario dell'andata.
  • Il rientro è meno spettacolare ma senz'altro più commovente: a Giorgino il santo viene accolto dai miliziani ed accompagnato, assieme alle autorità politiche e ai confratelli, fino a Stampace.

 

GUIDA TURISTICA | NUOVI STILI DI TURISMO
CARTOLINE | FOTO & VIDEO | PUBBLICITA' | LAVAGNA
REGISTRATI|

VITA NOTTURNA | SPETTACOLI | METEO | EVENTI A BREVE | CALENDARIO

Marchi e logo sono depositati
I testi sono di proprietà esclusiva di Sardinia Point
Le foto sono coperte dal diritto d'autore