Case Sardegna, Appartamenti Sardegna Hotel Sardegna - Guida agli alberghi in Sardegna Noleggio auto in Sardegna Agriturismo Sardegna - Guida vacanze agriturismo in Sardegna Last Minute Sardegna
Ville ed Appartamenti
in affitto in
Sardegna


Call Center 848 580081






 SCRIVICI


Bookmark and Share



monumenti aperti
ARCHITETTURA CIVILE
 

LA GIUDARIA

  • cosa: l'antico quartiere ebraico
  • età: XVI
  • motivi per una visita: scoprire le tracce di una antica comunità cittadina
  • dove: quartiere Castello
  • a chi rivolgersi: Istituto Tecnico Commerciale "G. Martini"

Il quartiere ebraico
Lo studio dei documenti conservati all'Archivio di Stato di Cagliari e all'Archivio della Corona d'Aragona di Barcellona ha consentito la ricostruzione di un periodo, compreso tra il 1323 e il 1492, durante il quale, con l'arrivo dei Catalano-Aragonesi,  si insediarono a Castello comunità ebraiche al seguito dell'infante Alfonso d'Aragona.

Il vero quartiere ebraico cagliaritano, che non ha niente del futuro ghetto recintato istituito dal 1516 a Venezia, era  in realtà un rione aperto che si formò dal 1344, sviluppatosi intorno ad un gruppo di case abitate già dagli ebrei pisani e ubicate fra la  Rua de' la Fontana e la Rua de 'Orifayn.

La  Giudaria cagliaritana andò estendendosi nel tempo in tutta la via della Fontana, per risalire fino alla mura difensive di Castello, nelle viuzze laterali, sino ad arrivare, intorno al 1360, alla Torre del Leone, nei pressi della Vicaria Regia e, al tempo del re  Pietro IV, sino alla via dell'Uva e alla Torre di San Pancrazio.

In questo quartiere riservato agli ebrei non rimangono testimonianze "materiali" del loro passaggio, ma lo studio dei documenti permette di ricostruire con attendibilità la loro storia e la vita della comunità ebraica, detta aljama, che per due secoli abitò quelle vie.
L'aljama cagliaritana toccò il suo apice nella prima metà del '400, quando raggiunse 1000-1200 unità e la Juharia, cioè il loro quartiere, occupava un terzo di Castello.

Una delle costruzioni più antiche fu la sinagoga, ma c'era anche la zona dei giardini e delle vigne e delle botteghe dove si vendeva il vino kasher e la zona del mercato della carne e il forno.

L'editto di espulsione, emanato nel 1492 dai re cattolici di Castiglia, costrinse gli ebrei di Cagliari (già da tempo perseguitati con restrizioni e soprusi, come l'obbligo di indossare il segno distintivo: la rotella rossa o gialla) a una sofferenza durissima: l'esilio perpetuo o l'abiura.

I più se ne andarono. I loro averi vennero venduti nelle pubbliche aste. Privati dei loro beni e con l'angoscia nel cuore per il loro futuro emigrarono verso Istambul, Tunisi e Livorno.

 


UN'ISOLA UN CONTINENTE | GUIDA TURISTICA| NUOVI STILI DI TURISMO
CARTOLINE | FOTO & VIDEO | PUBBLICITA' | LAVAGNA |SCRIVICI
REGISTRATI| | MY HOME

VITA NOTTURNA | SPETTACOLI | METEO | EVENTI A BREVE | CALENDARIO

Marchi e logo sono depositati
I testi sono di propriet esclusiva di Sardinia Point
Le foto sono coperte dal diritto d'autore