Case Sardegna, Appartamenti Sardegna Hotel Sardegna - Guida agli alberghi in Sardegna Noleggio auto in Sardegna Agriturismo Sardegna - Guida vacanze agriturismo in Sardegna Last Minute Sardegna
Ville ed Appartamenti
in affitto in
Sardegna


Call Center 848 580081

 Spiagge Sardegna
 Last minute
 Case vacanza
 Voli Low Cost
 Dormire
 Aerei
 Navi
 Trasporti
 Itinerari
 Zone
 Città
 I Paesi della Sardegna
 Musei e gallerie
 Trova l'Hotel
 Ristoranti
 Cosa comprare
 100 Posti da vedere
 Consigli
 Servizi per disabili
 Bassa stagione
 Distanze e Strade
 Idee vacanza
 Se ti serve ...
UN'ISOLA UN CONTINENTE NUOVI STILI DI TURISMO

Bookmark and Share



100 Posti da Vedere
SPIAGGE>SULCIS-IGLESIENTE>TERRITORIO E ARCHEOLOGIA
 

prima pagina | spiagge | territorio e archeologia | presenza dell'uomo | case affitto

TERRITORIO E ARCHEOLOGIA

 Portoscuso, Sant'Antioco e Isola di S. Pietro
Scendendo più a sud, solitudine, silenzio ed vegetazione stentata ricordano la vicina Africa. Dopo il calcare metallifero dell'Iglesiente incontriamo le trachiti e le vastissime formazioni tufacee della zona di Portoscuso.
Siamo vicini a Monte Sirai, fortezza fenicio-punica a pochi chilometri dall'abitato di Carbonia. Di fronte a noi lo spettacolo delle isole di Sant'Antioco e di San Pietro. Quest'ultima è una delle località più belle della Sardegna: un'oasi di pace, di sole e di verde, immersa nel mare più azzurro che si possa immaginare. A popolarla stabilmente fu per la prima volta, nel 1738, una colonia di liguri proveniente dall'isola tunisina di Tabarca, per sfuggire alle incursioni barbaresche.

A Carloforte, capoluogo dell'isola, sopravvive ancora una delle ultime tonnare, dove periodo della sanguinosa ma caratteristica e rituale mattanza è possibile incontrare esemplari pesanti fino a 400 chili.
Sant'Antioco è il centro più importante dell'omonima isola, unita alla terraferma da un sottilissimo lembo di terra, sin dal periodo romano. Nel paese troviamo la bella parrocchiale eretta dai monaci Vittorini nel 1102 e le strutture dell'antica città fenicio-punica di Sulci.

 Dal Golfo di Palmas a Capo Teulada
Più a sud il golfo di Palmas presenta, un po' come il più settentrionale golfo di Oristano, tutta una collana di stagni più o meno grandi che orlano la costa bassa e frastagliata. Nonostante molti di questi siano stati trasformati in saline, si conserva una ricchissima avifauna.
Subito dopo la pineta secolare di Porto Pino e lo stagno de Is Brebeis, ha inizio una grande penisola che culmina nel sinuoso promontorio calcareo di Capo Teulada, il punto più meridionale dell'isola.
Tutto il territorio è attualmente zona militare, sottratto agli amanti della natura, ma anche, in compenso, al riparo dai disastrosi insediamenti turistici dilagati negli ultimi decenni nel territorio circostante.

 Da Capo Malfatano a Nora
Subito dopo Capo Malfatano comincia uno dei più bei tratti di costa sarda, soprattutto per quanto riguarda l'aspetto paesaggistico. Calette sabbiose e cordoni di dune si alternano a una costa rocciosa e frastagliata, digradante dolcemente verso il mare e abbellita qua e là da scogli e isolotti.
Anche la vegetazione è rigogliosa e interessante. Dominano cisto, lentischio e olivastro, ma a tratti la macchia è formata quasi esclusivamente dal ginepro sabino. Percorrendo questo splendido ambiente, ancora quasi intatto, l'attenzione è attratta dal promontorio granitico di Capo Spartivento, ricoperto da una macchia mediterranea fittissima e dove spunta isolato un faro abbandonato: qui ha inizio la zona di Chia una delle più suggestive del Mediterraneo.

Abbandonato il comune di Domusdemaria, comincia il territorio di Pula, un'area più densamente antropizzata e coltivata, ricca di pinete artificiali che dominano tutta la costa di Santa Margherita.
A ridosso del litorale si erge il massiccio montuoso granitico di Capoterra, racchiuso nel complesso forestale più grande dell'isola. Un'unica selva compatta si stende in linea d'aria da Nord a Sud per circa 30 km.
Anche questo territorio fu scelto dai Fenici come approdo; qui la popolazione semitica fondò la bella città di Nora. Sorta come insediamento costiero Nora fu occupata successivamente dai Punici e dai Romani.

 
 


UN'ISOLA UN CONTINENTE | NUOVI STILI DI TURISMO
CARTOLINE | FOTO & VIDEO | PUBBLICITA' | LAVAGNA | SCRIVICI
REGISTRATI | | MY HOME

VITA NOTTURNA | SPETTACOLI | METEO | EVENTI A BREVE | CALENDARIO

Marchi e logo sono depositati
I testi sono di proprietà esclusiva di Sardinia Point
Le foto sono coperte dal diritto d'autore