Case Sardegna, Appartamenti Sardegna Hotel Sardegna - Guida agli alberghi in Sardegna Noleggio auto in Sardegna Agriturismo Sardegna - Guida vacanze agriturismo in Sardegna Last Minute Sardegna
Ville ed Appartamenti
in affitto in
Sardegna


Call Center 848 580081

 Spiagge Sardegna
 Last minute
 Case vacanza
 Voli Low Cost
 Dormire
 Aerei
 Navi
 Trasporti
 Itinerari
 Zone
 Città
 I Paesi della Sardegna
 Musei e gallerie
 Trova l'Hotel
 Ristoranti
 Cosa comprare
 100 Posti da vedere
 Consigli
 Servizi per disabili
 Bassa stagione
 Distanze e Strade
 Idee vacanza
 Se ti serve ...
UN'ISOLA UN CONTINENTE NUOVI STILI DI TURISMO

Bookmark and Share



100 Posti da Vedere
SARDEGNA>CASE TRADIZIONALI>SOS PINNETOS
 

prima pagina | arrivare | per saperne di più | SP consiglia | mangiare | dormire | agriturismo
a chi rivolgersi | è vicino a | link


PINNETAS

  • cosa: pinnettos, le antiche capanne dei pastori
  • provincia: Nuoro, Sassari
  • subregione: Supramonte, Barbagia, Sarcidano, Ogliastra, Nuorese, Meilogu.

Descrizione:
qualche pastore abita ancora "sos pinnettos"  o "pinnettas", tipiche dimore a pianta circolare ricoperte da rami di ginepro.
 
Molto simili alle capanne di epoca nuragica, hanno pianta circolare con alla base un muro in pietra a secco e una copertura a cono, di legno e frasche o in pietra.

Gli spazi che si vengono a formare tra un masso e un altro sono poi colmati da pietruzze, argilla o terra, in modo che non si abbiano spifferi.

Dalla base, alta circa un metro, parte una copertura, di forma conica, realizzata con tronchi di ginepro che poggiano su tre o quattro tronchi più robusti.
La sommità è ricoperta con frasche, mentre una pietra è posta all'apice per fermare il tutto.

É interessante notare che i materiali utilizzati per la copertura a cono cambiano in relazione alla zona: così nel Supramonte si usano i tronchi e le frasche di ginepro, nella Barbagia si usa il leccio e il corbezzolo, nell'altopiano di Campeda, praticamente privo di vegetazione, si usano le pietre.

Sos pinnettos erano di solito dimore comunitarie che davano rifugio a più pastori.
Erano anche laboratorio: qui il pastore faceva il formaggio e disponeva le forme sopra su kannitthu (un graticcio di canne), dove asciugavano all'aria e subivano una leggera affumicatura. Infatti il fuoco veniva acceso al centro della capanna, i pastori dormivano intorno nei loro "sacchi" di orbace e il fumo fuoriusciva attraverso le frasche.

Sembrerà strano ma un buon pinnettu permetteva al fumo di uscire dalla copertura, tratteneva il caldo all'interno e granativa un riparo totale dalla pioggia e dalla neve.

Oggi i pastori non vivono più fra i monti lontano dai loro paesi e la maggior parte dei pinnettos non esistono più o sono in pessime condizioni.
Ma un buon numero ancora resistono grazie all'opera di alcuni pastori e all'attenzione delle comunità locali che hanno giustamente individuato in questo edificio tradizionale un'attrazione turistica.

Dove si trovano:
La zona dove puoi vedere il maggior numero di pinnettos ancora integri è il Supramonte (NU). Anche intorno al Gennargentu (NU), nelle zone più impervie, qualche pinnettu resiste.
Altre zone sono la piana di Campeda (SS), fra Marghine e Meilogu, il Sarcidano (NU), l'Ogliasrra (NU) e il Sarrabus-Gerrei (CA).

testo di Federico Fonnesu
foto pinnettu nel Supramonte (P. Rinaldi)
web editing SP

 


UN'ISOLA UN CONTINENTE | NUOVI STILI DI TURISMO
CARTOLINE | FOTO & VIDEO | PUBBLICITA' | LAVAGNA | SCRIVICI
REGISTRATI | | MY HOME

VITA NOTTURNA | SPETTACOLI | METEO | EVENTI A BREVE | CALENDARIO

Marchi e logo sono depositati
I testi sono di proprietà esclusiva di Sardinia Point
Le foto sono coperte dal diritto d'autore