Case Sardegna, Appartamenti Sardegna Hotel Sardegna - Guida agli alberghi in Sardegna Noleggio auto in Sardegna Agriturismo Sardegna - Guida vacanze agriturismo in Sardegna Last Minute Sardegna
Ville ed Appartamenti
in affitto in
Sardegna


Call Center 848 580081


 Offerte Top
 Week End
 Sagre e Feste
 Agriturismo
 Enoturismo
 Le vie del gusto
 Archeoturismo
 Etnoturismo
 Fuoristrada 4x4
 Mountain Bike
 Trekking
 Climbing
 Ippotrekking
 In grotta
 In barca
 Diving e Snorkeling
 Windsurf
 Surf
 Natura
 Birdwatching
 Tutti gli Stili...
 Talassoterapia
 Golf
UN'ISOLA UN CONTINENTE GUIDA TURISTICA
Bookmark and Share


Geoturismo
GEOTURISMO IN SARDEGNA > PROMONTORIO DI CAPO TESTA
 

IL GRANITO GRIGIO DI CAPO TESTA

  • tipo di roccia: granito grigio, a sud calcari
  • dove: promontorio di Capo Testa, vicino a Santa Teresa di Gallura nella punta a nord est della Sardegna
  • come arrivare: bivio segnalato prima di arrivare a Santa Teresa di Gallura (arrivare a Santa Teresa)

Caratteristiche
La grande distesa di granito di Capo Testa, dalla caratteristica forma rotondeggiante, riassume in se la grande storia delle pietre, del mare e del vento.
Questi tre elementi, infatti, hanno dato vita ad uno dei paesaggi più suggestivi dell'isola.

I massi granitici degradano sul mare o vi cadono a picco, hanno innumerevoli fogge: guglie, speroni, pinnacoli e torrioni e le mille forme che la natura ha voluto regalare all'uomo.
Gli agenti atmosferici nel corso dei secoli hanno reso plastico il caparbio granito, ogni roccia allora diviene tafòne, monumento e simbolo dei secoli.

Punta della Torre, roccia che raggiunge i 127 metri, divide il promontorio in due zone; l'accesso alla prima, quella più a nord, risulta più facile; al contrario, la zona a sud può dirsi riservata agli escursionisti più abili.

La storia delle pietre
nell'era Quaternaria (1.800.000 - 10.000 anni) Capo Testa era un'isola; in quest'epoca si andò formando la striscia di terra che oggi riunisce il promontorio alla Sardegna.
A sud sono presenti ammassi di calcare risalenti al Miocene (26.000.000-5.200.000 milioni di anni).

Vegetazione
lecci, ginepri, corbezzoli ed eriche si contendono il poco spazio che le rocce lasciano libero. La macchia mediterranea, più selvaggia e apra quella a sud della Punta la Torre, sopravvive in un suolo roccioso e arido, crescendo talvolta con piccoli fusti, quasi bonsai che poi il vento disarticola e piega.

Curiosità
nella zona nord si apre una striscia di terra, chiamata la Valle della Luna, di enorme interesse paesaggistico. Sorpassati i muraglioni di roccia che la limitano, si apre uno spicchio di terra che, grazie alla costante umidità del suolo, è ricoperto di erba anche nella stagione secca.

foto: climber a Capo Testa (M. Vacca)

 
 


UN'ISOLA UN CONTINENTE | GUIDA TURISTICA
CARTOLINE | FOTO & VIDEO | PUBBLICITA' | LAVAGNA | SCRIVICI
REGISTRATI | | MY HOME

VITA NOTTURNA | SPETTACOLI | METEO | EVENTI A BREVE | CALENDARIO

Marchi e logo sono depositati
I testi sono di proprietà esclusiva di Sardinia Point
Le foto sono coperte dal diritto d'autore