case sardegna, appartamenti sardegna hotel sardegna - guida agli alberghi in sardegna noleggio auto in sardegna agriturismo sardegna - guida vacanze agriturismo in sardegna last minute sardegna
Ville ed Appartamenti
in affitto in
Sardegna


Call Center 848 580081


 Territorio
 Clima
 Natura in Sardegna
 Gastronomia
 Vini
 Ricette
 Artigianato
 270 parole di storia
 Storia
 Archeologia
 Carnevale
 Feste religiose
 Vestito tradizionale
 Vita rustica
 Storie e leggende
 Scultura
 Pittura
 Musica
 Lingua
 Scrittori
 Architettura
 Interviste
 Attualità
GUIDA TURISTICA NUOVI STILI DI TURISMO

Bookmark and Share



Storie e Leggende
ESSERI FANTASTICI>SURBILES
 

esseri fantastici | janas | sùrbiles | panas | luxìa rabiosa | sa filonzana

SÙRBILES
le donne vampiro

Chi erano
Le sùrbiles erano donne-vampiro che sorbivano, succhiavano il sangue dei neonati, specialmente se non ancora battezzati.
Si credeva che diventasse una sùrbile la settima di sette figlie femmine.

Cosa facevano
Ungendosi con oli vegetali, le sùrbiles erano capaci di trasformarsi in specie di mosche e penetrare nelle camere dei neonati attraverso il buco della serratura.
Agivano col buio, fra la mezzanotte e le tre.

Per evitare che entrassero nelle stanze, si utilizzavano come amuleti degli oggetti ben precisi: ad esempio una scopa, che però doveva essere posta con le chiome all'insù, oppure un mazzo di foglie d'issopo ed arancio, da appendere sul muro. Ancora, sortivano lo stesso effetto un paio di scarpe collocate a capo del letto, che dovevano essere abbinate ad un fazzoletto da testa messo ai piedi dello stesso.

In alcune zone si usava invece appendere dietro la porta un treppiede, di quelli usati per poggiare la pentola sul fuoco, o sistemare a rovescio un cappuccetto o un giubbettino sulla testata del letto.

Ancora, c'è chi sistemava oggetti dentati (forconi, pettini) sulla porta d'ingresso della camera: così, le sùrbiles si sarebbero fermate a contarne i denti, ma, poiché non conoscevano i numeri oltre il tre, ogni volta avrebbero dovuto iniziare daccapo.
Finché, giunte le tre di notte, sarebbero state costrette a scappare.

Curiosità

  • Spesso le sùrbiles venivano identificate con le streghe e chiamate cogas.
    Erano allora raffigurate come donne brutte e vecchie che si spostavano a cavallo di una scopa.
  • Si diceva che potessero trasformarsi in gatti e deponessero il sangue dei neonati nella cenere calda del focolare, dove si trasformava in sanguinaccio, il loro cibo preferito.
  • Per spostarsi, usavano una formula magica, che diceva: Folla a suba de folla, tres oras andai e tres oras a torrai (Foglia su foglia, tre ore per andare e tre ore per tornare).
  • Contro le streghe veniva pregato San Sisinnio, l'unico che fosse in grado di neutralizzarne il potere.

 

Testi di Grazia Villani
Illustrazioni di Maurizio Artizzu

 


GUIDA TURISTICA | NUOVI STILI DI TURISMO
CARTOLINE | FOTO & VIDEO | PUBBLICITA' | LAVAGNA
REGISTRATI|

VITA NOTTURNA | SPETTACOLI | METEO | EVENTI A BREVE | CALENDARIO

Marchi e logo sono depositati
I testi sono di proprietà esclusiva di Sardinia Point
Le foto sono coperte dal diritto d'autore