case sardegna, appartamenti sardegna hotel sardegna - guida agli alberghi in sardegna noleggio auto in sardegna agriturismo sardegna - guida vacanze agriturismo in sardegna last minute sardegna
Ville ed Appartamenti
in affitto in
Sardegna


Call Center 848 580081


 Territorio
 Clima
 Natura in Sardegna
 Gastronomia
 Vini
 Ricette
 Artigianato
 270 parole di storia
 Storia
 Archeologia
 Carnevale
 Feste religiose
 Vestito tradizionale
 Vita rustica
 Storie e leggende
 Scultura
 Pittura
 Musica
 Lingua
 Scrittori
 Architettura
 Interviste
 Attualità
GUIDA TURISTICA NUOVI STILI DI TURISMO

Bookmark and Share



Vini
VINI SARDI > SPUMANTI
 

GLI SPUMANTI IN SARDEGNA
>
cosa è uno spumante

La Sardegna, ad eccezione delle limitate produzioni artigianali o semindustriali della Gallura (Calangianus e Olbia) e a quella semiamatoriale dell'Oristanese, elaborate con il metodo classico, enumera una valida gamma di spumanti prodotti col metodo Charmat.

Affianco ai Moscati e ai Brut della Gallura, ai Brut dell'Algherese, convivono quelli dell'area Oristanese, della Planargia e quelli del medio-basso Campidano di Cagliari, del Sulcis e perfino uno spumante rosè dell'Ogliastra.

Rappresentano produzioni che, seppure nella breve storia che le contraddistingue, si sono sapute affermare nell'ambito dei consumi regionali e talvolta anche al di fuori dell'Isola.

Gran parte dei prodotti, specie quelli "ad impronta aromatica", base Moscato, Malvasia e Nasco, possono considerarsi di scuola locale. Spesso sono identificabili con il marchio "Sorres": tenuto conto delle peculiarità che lo caratterizzano rispetto al metodo Charmat, potrebbe aspirare anche alla brevettazione industriale.

Prescindendo dal metodo di elaborazione, dalle qualità delle uve e dei vini utilizzati e secondo la normativa Comunitaria attuale, in base al contenuto di zuccheri residui, le tipologie merceologiche degli spumanti sono le seguenti:

  • Extra Brut o Pas Dosèe: zuccheri residui max 5 gr/l
  • Brut: zuccheri residui max 14 gr/l
  • Extra Dry: zuccheri residui max 20 gr/l
  • Dry o Sec: zuccheri residui max 35 gr/l
  • Demi sec: zuccheri residui max 50 gr/l
  • Dolce: zuccheri residui oltre 50 gr/l

La Sardegna produce una valida gamma di spumanti Brut, caratterizzati da tenori in zuccheri residui variabili da 5 a 12 grammi/litro: prevalentemente con basi Vermentino, Torbato, Semidano, Chardonnay, ecc.

Nell'Isola si producono soprattutto spumanti Demi sec e Dolci, base Malvasia, Moscato e Nasco; i tenori zuccherini residui sono rispettivamente di 38-48 grammi/litro e 60-68 grammi/litro.

Il colore è giallo paglierino tenue, brillante; l'odore che prevale è quello del primario vitigno d'origine; i sapori sono freschi, aciduli, fruttati.

Relativamente alle prescrizioni per il consumo:

  • gli spumanti Brut ed Extra Dry sono indicati come aperitivo,
    negli abbinamenti agli antipasti di mare  e di terra  e a qualche pietanza specifica: fritti di pesce, ostriche, aragoste, e altri crostacei;
  • gli spumanti Demi sec e i Dolci, sono indicatissimi con i dolci tradizionali sardi e non: pasta di mandorle, panettone, torte, crostate di frutta e di marmellata;
    si abbinano validamente, anche con alcuni formaggi e le macedonie di frutta.




 

GUIDA TURISTICA | NUOVI STILI DI TURISMO
CARTOLINE | FOTO & VIDEO | PUBBLICITA' | LAVAGNA
REGISTRATI|

VITA NOTTURNA | SPETTACOLI | METEO | EVENTI A BREVE | CALENDARIO

Marchi e logo sono depositati
I testi sono di proprietà esclusiva di Sardinia Point
Le foto sono coperte dal diritto d'autore