case sardegna, appartamenti sardegna hotel sardegna - guida agli alberghi in sardegna noleggio auto in sardegna agriturismo sardegna - guida vacanze agriturismo in sardegna last minute sardegna
Ville ed Appartamenti
in affitto in
Sardegna


Call Center 848 580081


 Territorio
 Clima
 Natura in Sardegna
 Gastronomia
 Vini
 Ricette
 Artigianato
 270 parole di storia
 Storia
 Archeologia
 Carnevale
 Feste religiose
 Vestito tradizionale
 Vita rustica
 Storie e leggende
 Scultura
 Pittura
 Musica
 Lingua
 Scrittori
 Architettura
 Interviste
 Attualità
GUIDA TURISTICA NUOVI STILI DI TURISMO

Bookmark and Share



Artigianato
LE MASCHERE DEI MAMUTHONES, DI MAMELI
 

prima pagina | la maschera | la lavorazione | l'artigiano | foto

LA LAVORAZIONE, DAL TRONCO ALA MASCHERA

Taglio del legno e stagionatura
il legno deve essere tagliato con la luna crescente, perchè in quel momento il tronco trattiene una quantità inferiore di linfa e il legno ha una stagionatura migliore.

Il tronco viene tagliato in sezioni cilindriche le quali vengono ulteriormente tagliate in senso verticale.

Sgorbie e scalpelli: dal tronco alla forma
quando il semicilindro di legno è pronto inizia la lavorazione
vera e propria che dura circa 3 giorni.

Mameli posa il semicilindro sul banco da lavoro e inizia a estrarre la forma dal legno lavorando di scalpello e sgorbia, a partire dalla parte convessa.

Il modello della maschera è sempre lo stesso, quello più antico.
 Ma ogni maschera è diversa dall'altra, ha una sua anima.  

Dipende dal tipo di legno - più o meno duro, più o meno compatto
- dipende dal diametro del tronco.
Da un grande tronco nascerà una maschera con un naso più importante.

Mameli prima ricava uno pseudoovale dal legno, poi scava gli occhi, estrae la grande protuberanza del naso, delinea gli zigomi e la grande bocca prominente.

Lavora con forza per vincere il legno.
Poi scava dalla parte opposta, portando il legno a uno spessore minimo anche inferiore al mezzo centimentro.

Il Mamuthone sta nascendo... 

La rifinitura a lama di resorza 
sa resorza è il caratteristico coltello sardo a serramanico.
Quello che ancora oggi non manca mai nella tasca del pastore o dell'agricoltore. 

E proprio grazie alla lama affilatissima della sua resorza che Mameli definisce i contorni inquietanti della maschera.

Elimina le asperità, accentua il taglio degli occhi, scava gli stacchi tra fronte e arcate, naso e zigomi. Affila l'apertura terribile della bocca, rende sfuggente il mento verso il basso.

Dal bianco al nero
la maschera finita è chiara. Si appende fuori, all'aria perchè si asciughi definitivamente.
Dopo qualche giorno è pronta e viene dipinta di nero: il colore dei Mamuthones.


 


GUIDA TURISTICA | NUOVI STILI DI TURISMO
CARTOLINE | FOTO & VIDEO | PUBBLICITA' | LAVAGNA
REGISTRATI|

VITA NOTTURNA | SPETTACOLI | METEO | EVENTI A BREVE | CALENDARIO

Marchi e logo sono depositati
I testi sono di proprietà esclusiva di Sardinia Point
Le foto sono coperte dal diritto d'autore