Case Sardegna, Appartamenti Sardegna Hotel Sardegna - Guida agli alberghi in Sardegna Noleggio auto in Sardegna Agriturismo Sardegna - Guida vacanze agriturismo in Sardegna Last Minute Sardegna
Ville ed Appartamenti
in affitto in
Sardegna


Call Center 848 580081


 Offerte Top
 Week End
 Sagre e Feste
 Agriturismo
 Enoturismo
 Le vie del gusto
 Archeoturismo
 Etnoturismo
 Fuoristrada 4x4
 Mountain Bike
 Trekking
 Climbing
 Ippotrekking
 In grotta
 In barca
 Diving e Snorkeling
 Windsurf
 Surf
 Natura
 Birdwatching
 Tutti gli Stili...
 Talassoterapia
 Golf
UN'ISOLA UN CONTINENTE GUIDA TURISTICA
Bookmark and Share


Turismo Gastronomico
ITINERARI ENOGASTRONOMICI>SASSARI, TORRALBA, OZIERI
 

TORRALBA, ARCHEOLOGIA E PIATTI TIPICI 

Tra nuraghi e tombe dei giganti si confezionano ancora piatti tipici dal sapore antico, capaci di trascinarti nel cuore di una terra tutta da scoprire.
Non molto distante da Sassari il paese di Torralba con i suoi 2000 abitanti conserva le tracce di un passato antichissimo: nei siti preistorici, nei musei e nei semplici e gustosissimi piatti "unici" dei pastori, da non perdere.

Le specialità

Il pane di Torralba è la famosa "fresa" o "pane carasau" a volte preparato con farina scura, sa fresa niedda, cotto nel forno a legna fino al raggiungimento di un certo gonfiore, momento in cui viene tagliato in due parti e rimesso al forno per diventare "biscottato".

Ottima anche la "spianata", confezionata in casa e dunque più grossa di quella di Ozieri.
In occasione dell'epifania si prepara il "pane untinadu" (pane unto) ponendo del pane molle sulla brace e sgocciolandoci sopra il grasso di salsicce riscaldate fino a quando il pane assorbe il sapore della carne.

Per il giovedì grasso è tradizione mangiare le "fave con lardo": piatto unico ottenuto dalla bollitura di fave, lardo, piedini di maiale, salsicce e finocchietti selvatici con l'aggiunta di spianate lasciate anch'esse bollire nel brodo della carne.
Una vera delizia è la "zuppa di finocchietti selvatici": i finocchietti si fanno bollire in acqua, olio e sale e il brodo ottenuto si versa su una teglia foderata di spianate, si aggiunge abbondante pecorino e si mette il tutto al forno.

Sempre con le spianate si prepara la "pecora bollita": nel brodo di carne di pecora si gettano le spianate fino a quando si ammorbidiscono e poi colate a mò di pastasciutta e servite a tavola condite con pecorino e accompagnate da patate bollite.

Una pietanza caratteristica sono le "panadas": piccoli involucri di sfoglia ottenuta con farina, sale e strutto, ripieni di carne a piacere.
I dolci di questa località sono svariati. In occasione del Carnevale si confezionano le "mantogadas", semplici intrecci di farina e strutto conditi con sciroppo di zucchero e limone.

Per Pasqua sono immancabili le "casadinas", formaggelle con ripieno di formaggio inacidito, prezzemolo e uva passa, e "sa gozzula de s'ou", intreccio di pasta di semola o di uva passa con l'aggiunta al centro di un uovo intero con guscio (una sorta di uovo pasquale casereccio).

Presenti durante tutto l'anno sono invece i "papassini", rombi di uva passa, noci e mandorle, le "tiliccas", sfoglia trasparente con ripieno di pistiddu (marmellata di sapa, mosto cotto) e le conosciutissime "seadas", ravioli con ripieno di formaggio filante inacidito serviti fritti e ricoperti di zucchero.

I vini portati a tavola sono quasi tutti di proprietà: rossi e bianchi, il vino di qualità è denominato "su inu seberu" (il vino buono), bevuto solo per le grandi occasioni.

Link correlati
Archeologia: nuraghe Oes | nuraghe S.tu Antine 

 


UN'ISOLA UN CONTINENTE | GUIDA TURISTICA
CARTOLINE | FOTO & VIDEO | PUBBLICITA' | LAVAGNA | SCRIVICI
REGISTRATI | | MY HOME

VITA NOTTURNA | SPETTACOLI | METEO | EVENTI A BREVE | CALENDARIO

Marchi e logo sono depositati
I testi sono di proprietà esclusiva di Sardinia Point
Le foto sono coperte dal diritto d'autore