case sardegna, appartamenti sardegna hotel sardegna - guida agli alberghi in sardegna noleggio auto in sardegna agriturismo sardegna - guida vacanze agriturismo in sardegna last minute sardegna
Ville ed Appartamenti
in affitto in
Sardegna


Call Center 848 580081


 Territorio
 Clima
 Natura in Sardegna
 Gastronomia
 Vini
 Ricette
 Artigianato
 270 parole di storia
 Storia
 Archeologia
 Carnevale
 Feste religiose
 Vestito tradizionale
 Vita rustica
 Storie e leggende
 Scultura
 Pittura
 Musica
 Lingua
 Scrittori
 Architettura
 Interviste
 Attualità
GUIDA TURISTICA NUOVI STILI DI TURISMO

Bookmark and Share



Natura in Sardegna
MONTE ARCOSU>LA NASCITA DI UN'OASI
 

Monte Arcosu era un'immensa riserva di caccia privata, estesa oltre tremila ettari, e comprendente, oltre alla montagna, il groviglio di vallate che la cingono a sud e ad oriente. Rupi, forre, ruscelli, radure, conche ingarbugliate di macchia e bosco. E abitate dal cervo sardo. Quando le riserve di caccia furono abolite, i proprietari decisero di vendere l'intera area per seicento milioni. Era il 1984. La Sardegna si apprestava a perdere un altro dei suoi preziosissimi gioielli. Ma ci fu chi non lo permise.
Erano i tempi delle infuocate crociate del WWF in difesa del cervo e lo slogan «No allo sterminio» fu il grido di battaglia di una esaltante campagna di sensibilizzazione. Così quell'annuncio di vendita trovò cuori pronti a rischiare, seicento milioni non erano affatto uno scherzo!. Sopralluoghi, incontri, discussioni, remore, entusiasmi, incertezze, capacità di azzardo sfociarono infine in una irripetibile raccolta di fondi, che consenti di centrare l'obiettivo.
«Ma molto, moltissimo fece la gente comune: operai e circoli ferrovieri, gruppi di detenuti e grandi industrie, sezioni di partito e infermieri di ospedale, note attrici e uomini politici contribuirono a questa difficilissima impresa; i bambini risposero in maniera commovente, decisi a salvare un animale che forse non avrebbero mai visto», dirà col solito commosso fervore Fulco Pratesi, a commento di quanto accadde in quei giorni di febbrile impegno.
Monte Arcosu era salvo; era proprietà del WWF, che significa di tutti i sardi e dell'intera comunità. Per sempre. Nel 1995 verranno acquistati anche i 600 ettari del Monte Lattias, dirimpettaio di Monte Arcosu, con i proventi di una campagna foreste.




       

      GUIDA TURISTICA | NUOVI STILI DI TURISMO
      CARTOLINE | FOTO & VIDEO | PUBBLICITA' | LAVAGNA
      REGISTRATI|

      VITA NOTTURNA | SPETTACOLI | METEO | EVENTI A BREVE | CALENDARIO

      Marchi e logo sono depositati
      I testi sono di proprietà esclusiva di Sardinia Point
      Le foto sono coperte dal diritto d'autore