Case Sardegna, Appartamenti Sardegna Hotel Sardegna - Guida agli alberghi in Sardegna Noleggio auto in Sardegna Agriturismo Sardegna - Guida vacanze agriturismo in Sardegna Last Minute Sardegna
Ville ed Appartamenti
in affitto in
Sardegna


Call Center 848 580081


 Offerte Top
 Week End
 Sagre e Feste
 Agriturismo
 Enoturismo
 Le vie del gusto
 Archeoturismo
 Etnoturismo
 Fuoristrada 4x4
 Mountain Bike
 Trekking
 Climbing
 Ippotrekking
 In grotta
 In barca
 Diving e Snorkeling
 Windsurf
 Surf
 Natura
 Birdwatching
 Tutti gli Stili...
 Talassoterapia
 Golf
UN'ISOLA UN CONTINENTE GUIDA TURISTICA
Bookmark and Share


Trekking
TREKKING IN SARDEGNA > ZONE
 

LE ZONE: DOVE FARE TREKKING IN SARDEGNA
se clicchi sulla zona trovi l'elenco dei percorsi

 

 

 
Sàrrabus
notoriamente si tratta di una zona granitica piuttosto arida, ma il massiccio dei Sette Fratelli, piuttosto vicino a Cagliari, offre belle foreste e degli interessanti scorci sulle caratteristiche punte granitiche, che superano di poco i 1000 metri di quota.
Molto interessanti sono i percorsi, in genere brevi, che partono da Maidopis. Esiste però anche una traversata del massiccio che termina sulla costa sud dell'Isola e che richiede almeno due giorni.

Sulcis
per gli escursionisti di Cagliari si tratta di una zona molto interessante, ma non si può certo paragonare il Sulcis al Supramonte! Ci sono, è vero, interessanti percorsi, ma i paesaggi risultano sempre piuttosto monotoni.
Da citare sono comunque le ascensioni alle cime più elevate, le escursioni all'interno dell'oasi del WWF e un paio di risalite di bei torrenti con massi di granito e pozze di acqua cristallina.

Iglesiente
l'interesse di questo massiccio per l'escursionista è secondo solo all'Ogliastra e al Supramonte. Le salite al Monte Linas, la cima più elevata di questa porzione di Sardegna, sono infatti tutte interessanti.
Molto belle e suggestive sono poi le gole del Rio Oridda e le cascate de Su Muru Mannu. Più ad ovest la zona del Fluminese è ugualmente interessante, ma con escursioni più monotone, interessanti però sotto il profilo dell'archeologia industriale. A nord del Linas è da citare la traversata delle creste del Monte Arcuentu, una bella cavalcata da non perdere!

Sarcidano
un territorio ma ricco di be scorci sul Flumendosa. La zona più interessante rimane quella della Giara di Gesturi.

Barbagia
il territorio che comprende le cime più elevate dell'isola non coincide, come sulle Alpi, con la zona escursionisticamente più interessante. Se da un lato fa sempre piacere raggiungere la cima del Gennargentu o passeggiare nei bei boschi di Aritzo e Fonni, le cose più belle stanno più a sud, nei dintorni di Seui.
Molto suggestive sono le escursioni sul Monte Tonneri e alla Perda Liana: alcune di queste sconfinano nell'arrampicata e sono da considerarsi impegnative.

Ogliastra
è una delle zone più selvagge dell'isola, destinata ai trekkers esperti e navigati. Qui si svolge "Selvaggio Blu", un trekking sulla costa considerato il più difficile d'Italia, per cui occorrono diversi giorni.
Anche il raggiungimento di alcune calette isolate nel Golfo di Orosei è da considerarsi un'esperienza da non perdere, mentre la discesa delle anguste còdule dell'interno regala intese emozioni e scorci unici in Europa.

Supramonte
qui si svolgono gli itinerari più classici, impossibile elencarli tutti. Si va dalle grandi cavalcate su creste panoramiche (Cusidore, Monte Albo, Corrasi, Monte Novo), agli altipiani più deserti (Donanigoro, Campu Su Murdegu), alle gole più impervie e profonde (Gorroppu).
Grande interesse riscuotono i villaggi nuragici come Tiscali o i nuraghi panoramici e isolati come Nuraghe Mereu, in territorio di Urzulei. Nel Supramonte tutto è possibile, dalle facili passeggiate alle escursioni più difficili, ma ogni itinerario ha in se qualcosa di speciale.

Baronie
il Monte Albo offre salite interessanti e di ampio respiro: la più frequentata è certamente il Monte Turuddò. Si tratta di un pugno di percorsi, alcuni di essi non del tutto banali.

Goceano
una grande traversata percorre questa lunga catena, con percorsi facili, talvolta un po' monotoni, sotto belle foreste. I paesaggi sono molto rilassanti.

Nurra
poche escursioni interessanti, per lo più nei dintorni di Capo Caccia, dove molto bella e classica rimane la salita alla Torre della Pegna, che precipita con una scogliera di 200 m sul mare burrascoso.

Gallura
è difficile muoversi nella fitta macchia gallurese, ma esistono anche qui alcuni percorsi molto frequentati. A parte le facili passeggiate tra le surreali rocce di Capo Testa ed Aggius, c'è sempre da salire il Monte Limbara, anche se non è bello scoprire che dall'altro lato vi arriva una strada asfaltata...


:: primapagina

:: proposte

:: operatori

:: trek areas

.: articoli
.: foto
.: link



 

 

 

 

 

 

 
 


UN'ISOLA UN CONTINENTE | GUIDA TURISTICA
CARTOLINE | FOTO & VIDEO | PUBBLICITA' | LAVAGNA | SCRIVICI
REGISTRATI | | MY HOME

VITA NOTTURNA | SPETTACOLI | METEO | EVENTI A BREVE | CALENDARIO

Marchi e logo sono depositati
I testi sono di proprietà esclusiva di Sardinia Point
Le foto sono coperte dal diritto d'autore