case sardegna, appartamenti sardegna hotel sardegna - guida agli alberghi in sardegna noleggio auto in sardegna agriturismo sardegna - guida vacanze agriturismo in sardegna last minute sardegna
Ville ed Appartamenti
in affitto in
Sardegna


Call Center 848 580081


 Territorio
 Clima
 Natura in Sardegna
 Gastronomia
 Vini
 Ricette
 Artigianato
 270 parole di storia
 Storia
 Archeologia
 Carnevale
 Feste religiose
 Vestito tradizionale
 Vita rustica
 Storie e leggende
 Scultura
 Pittura
 Musica
 Lingua
 Scrittori
 Architettura
 Interviste
 Attualità
GUIDA TURISTICA NUOVI STILI DI TURISMO

Bookmark and Share



Natura in Sardegna
MONTE ARCOSU>OBIETTIVI E GESTIONE
 

Tutto questo fermento non è sfuggito alle amministrazioni pubbliche locali, che in Sardegna faticano a trovare la rotta maestra della conservazione della gestione ambientale. Così è stato stipulato un accordo tra la Provincia di Cagliari e il WWF per la cogestione dell'oasi per dieci anni (conduzione «ordinaria» e programmi educativi). Intanto il comune di Uta (nel cui territorio è compresa gran parte dell'oasi) ha dato inizio ad un importante intervento, con i fondi del Ministero dell'Ambiente, che vedrà impegnate 50 persone per almeno due anni. L'obiettivo è la ristrutturazione della foresteria, la pulizia e l'apertura di sentieri, la sistemazione del fondo stradale e la realizzazione nella zona Sa Canna (all'ingresso della riserva) di un centro visite, un museo polivalente ed un Panda Shop.
Ci sono anche gli interventi internazionali, i progetti Life, finanziati dalla Unione Europea e dal WWF. Il primo ha permesso la realizzazione a Sa Canna di un recinto di nove ettari, in cui sono stati trasferiti i daini prima ospitati nell'area faunistica adiacente la foresteria (dove invece sono stati immessi a scopo didattico una ventina di esemplari di cervo sardo), l'acquisto di un fuoristrada (utilissimo vista la cronica penuria di mezzi) e la pulizia di alcuni tratti di ceduo, sia per l'avviamento del bosco a fustaia che per la realizzazione di aree di pascolo per il cervo. Un secondo intervento sul Monte Lattias, ha permesso la realizzazione di venti chilometri di sentieri e la ristrutturazione di quattro piccoli casolari (stupendi!) di carbonari, che diverranno punti di sosta e di pernottamento. In una simile realtà, che propone Monte Arcosu come esempio di corretta gestione ambientale, non poteva mancare la cura dell'aspetto occupazionale. L'oasi dà lavoro alla Tre Api, società a conduzione familiare, che produce il miele (particolarmente apprezzato quello amaro di corbezzolo). Ma soprattutto qui sono impegnati i nove componenti la Cooperativa Caprifoglio. Giovani, responsabili, professionali, entusiasti. A loro è affidata la fruizione dell'oasi, la foresteria, i soggiorni, i rapporti con le scuole, il servizio guida nelle escursioni. Nel 1999 la cooperative è stata a disposizione di ben 12000 mila visitatori.

Tuttavia, per tentare di dare almeno l'idea con due parole del valore immenso di Monte Arcosu, è sufficiente ricordare quanto ebbe a dire in proposito Antonello Monni, storica colonna del WWF Sardegna, che fu un caparbio sostenitore dell'acquisto dell'oasi e responsabile della difficile fase di avviamento della stessa: «E' un'emozione che si rinnova. Un'emozione che si vede, si respira, si tocca, si annusa, ci cammini sopra. Un'emozione che ti avvolge e ti consente di farne parte». Monte Arcosu è davvero tutto qui.


  • la nascita dell'oasi
  • Monte Arcosu oggi e il problema del bracconaggio 
  • le attività di ricerca e i progetti
  • per visitare la riserva
  • il cervo sardo
  • gemellaggio Monte Arcosu-El Feidja (Tunisia)


     

     

     

     
     


  • GUIDA TURISTICA | NUOVI STILI DI TURISMO
    CARTOLINE | FOTO & VIDEO | PUBBLICITA' | LAVAGNA
    REGISTRATI|

    VITA NOTTURNA | SPETTACOLI | METEO | EVENTI A BREVE | CALENDARIO

    Marchi e logo sono depositati
    I testi sono di proprietà esclusiva di Sardinia Point
    Le foto sono coperte dal diritto d'autore