Case Sardegna, Appartamenti Sardegna Hotel Sardegna - Guida agli alberghi in Sardegna Noleggio auto in Sardegna Agriturismo Sardegna - Guida vacanze agriturismo in Sardegna Last Minute Sardegna
Ville ed Appartamenti
in affitto in
Sardegna


Call Center 848 580081

 Spiagge Sardegna
 Last minute
 Case vacanza
 Voli Low Cost
 Dormire
 Aerei
 Navi
 Trasporti
 Itinerari
 Zone
 Città
 I Paesi della Sardegna
 Musei e gallerie
 Trova l'Hotel
 Ristoranti
 Cosa comprare
 100 Posti da vedere
 Consigli
 Servizi per disabili
 Bassa stagione
 Distanze e Strade
 Idee vacanza
 Se ti serve ...
UN'ISOLA UN CONTINENTE NUOVI STILI DI TURISMO

Bookmark and Share



Zone
ZONE>BARBAGIE>LA STORIA E L'UOMO
 

natura | territorio | da vedere | feste tradizionali | prodotti tipici | arrivare 

la storia
Furono i Romani a chiamarla Barbagia perché consideravano barbara la popolazione di quei monti che già i Cartaginesi non erano riusciti a conquistare. Ma neanche Roma riuscì interamente nell'impresa.

L'uomo abitava queste zone già dal paleolitico superiore (12000 a C.) come testimoniano i ritrovamenti della Grotta Corbeddu di Oliena.
I sardi del neolitico (6000 a.C-2500 a.C.) abitarono diffusamente questi territori: le domus de janas (grotticelle artificiali) i menhir, i dolmen, i ripari sotto roccia sono le tracce ancora visibili degli uomini della Cultura di Ozieri (3500-2500 a.C.)
Dalla presenza di nuraghi, tombe di giganti, aree sacre e resti di villaggi, sparsi un po' dovunque riusciamo, anche in questo territorio, ad apprezzare la grandezza della Civiltà Nuragica (1500 a.C. fino alla conquista romana), una delle più importanti civiltà del Mediterraneo arcaico (foto: Fonni-tomba di giganti).
Sul finire del VI sec. d C. Gregorio Magno convertì al Cristianesimo quei Barbaricini adoratori di pietre e tronchi d'albero.
In età medioevale le Barbagie furono in gran parte sotto la giurisdizione del Giudicato d'Arborea mentre i distretti del Nuorese facevano parte del Giudicato del Logudoro e la Barbagia di Seulo del Giudicato di Cagliari: è probabile che ci fosse un giudicato, con capoluogo a Forum Traiani (Fordongianus), esclusivo per le Barbagie.
Con l'arrivo degli Spagnoli nel XIV secolo la Barbagia fu divisa, come del resto tutta la Sardegna, in diversi feudi.
I governi sabaudi, succeduti a quelli spagnoli, spesero nel 1800 molte energie nel tentativo di debellare, spesso con metodi brutali, il banditismo, sintomo di un malessere ancora oggi non del tutto estinto.
Nuoro fu provincia per la prima volta dal 1848 al 1859 per essere istituita nuovamente come tale nel 1926.

l'uomo e il territorio
Le comunità di Barbagia sono accomunate da tratti culturali omogenei che si manifestano anche nei modi abitativi.
In molti casi, la conformazione del territorio ha costretto le abitazioni ad un'estrema concentrazione, in altri, la più agevole disposizione del sito ha consentito un tipo di insediamento più organico.
Alcuni paesi, quali Fonni e Gavoi, conservano antiche case in pietra molto sviluppate in altezza.
Ad Oliena molte abitazioni imbiancate a calce danno sulle "cortes", vani all'aperto dove non è raro trovare un vecchio carro carico di strumenti di lavoro agricolo o gli utensili del lavoro domestico delle donne.
I centri storici degli abitati della Barbagia di Belvì e di Seulo mantengono ancora alcuni segni tangibili dell'antico borgo: dimore con più vani sovrapposti, piccole case con balconi in legno che danno sui vicoli selciati.
Per quei vicoli, a Desulo, è ancora possibile incontrare qualche anziana donna che indossa il caratteristico costume d'orbace.
Alcuni paesi sono formati da più borgate, in origine contigue ma distanti: "Asuai", "Issiria", "Ovalaccio" a Desulo (foto in alto a destra), "Tonéri", "Teliseri", "Arasulé" a Tonara.
Nelle aree semideserte del Gennargentu e del Supramonte, nonostante la scarsa antropizzazione, è facile trovare consistenti tracce della presenza dell'uomo: qualche pastore abita ancora "sos pinnetos", tipiche dimore a pianta circolare ricoperte da rami di ginepro.

 


UN'ISOLA UN CONTINENTE | NUOVI STILI DI TURISMO
CARTOLINE | FOTO & VIDEO | PUBBLICITA' | LAVAGNA | SCRIVICI
REGISTRATI | | MY HOME

VITA NOTTURNA | SPETTACOLI | METEO | EVENTI A BREVE | CALENDARIO

Marchi e logo sono depositati
I testi sono di proprietà esclusiva di Sardinia Point
Le foto sono coperte dal diritto d'autore